Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Rapporto sui seminaristi transgender esorta a discutere sulla selezione

seminarians

DmyTo | Shutterstock

John Burger - pubblicato il 31/01/22 - aggiornato il 31/01/22

I rettori che abbiamo intervistato mettono in discussione il modo in cui sono stati ammessi i candidati

Gli attuali processi di selezione nei seminari cattolici sono abbastanza approfonditi da far chiedere ai rettori come sia stata possibile l’ammissione di candidati biologicamente donne.

“Non sorprende che alcuni possano provare a fare una cosa del genere, ma quello che perplime e sorprende un po’ di più è come siano riusciti a entrare in seminario”, ha affermato p. Mark Doherty, rettore del Seminario di St. Patrick di Menlo Park, California (Stati Uniti).

P. Doherty e altri rettori hanno parlato ad Aleteia in risposta ai resoconti recenti per cui un rappresentante della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti stava chiedendo alle diocesi di fare attenzione ai possibili tentativi futuri di donne transgender di fare domanda per seguire la formazione sacerdotale. Il rappresentante, l’arcivescovo Jerome Listecki di Milwaukee, aveva mandato un memo a settembre affermando che varie persone di questo tipo erano state ammesse, ovviamente in modo inconsapevole, in seminari e case di formazione per comunità religiose, ma nessuna era riuscita ad arrivare all’ordinazione. Il presule non ha nominato le istituzioni coinvolte.

“Sulla base della mia esperienza, non riesco a capire come sia accaduto”, ha affermato il sacerdote sulpiziano p. Philip J. Brown, presidente-rettore del Seminario di St. Mary di Baltimora. “Mettiamo in atto un processo di ammissione approfondito che implica valutazione psicologica, avvalendoci di psicologi clinici, e anche esami fisici, e soprattutto negli ultimi anni la valutazione psicologica include una storia sessuale della vita e dell’attività sessuale della persona, quindi non capisco come le cose non siano saltate fuori nell’esame sia psicologico che fisico”.

Molti seminari, diocesi e ordini religiosi hanno approfondito l’analisi dei candidati in risposta agli scandali di abusi sessuali degli ultimi decenni.

P. Brown, in precedenza rettore del Theological College della Catholic University of America, ha affermato che il St. Mary di Baltimora, come altri, faceva affidamento sulla diocesi per la quale il candidato doveva effettuare la valutazione psicologica. Come rettore del St. Mary, ha rafforzato questa politica. “Accetteremo la valutazione psicologica di una diocesi, ma la faremo rivedere dal nostro psicologo clinico”, ha affermato. “Se non pensa che sia abbastanza approfondita o che includa tutti gli strumenti valutativi che riteniamo affidabili, la rimandiamo indietro e diciamo che non ammettiamo il candidato a meno che non faccia questo o quello. E se manca qualcosa in una valutazione riguardo alla storia sessuale, non accettiamo il candidato finché non è tutto chiarito”.

Il sacerdote ha sottolinea che un esame fisico chiederebbe in genere alle persone se hanno subìto interventi. “Se qualcuno ha subìto un’operazione transgender, è evidente nel fisico, a meno che, ovviamente, non si siano falsificati”.

  • 1
  • 2
Tags:
seminarioseminaristitransgender
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni