Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Perché Dio lascia soffrire tanta gente?

IMG_5669.jpg

Courtesy of Tom Hoopes

Tom Hoopes - pubblicato il 28/01/22

La sofferenza ci umilia e ci insegna ad amare – e ne abbiamo bisogno

Mia moglie April ha subìto un ictus che le ha paralizzato il lato sinistro del corpo ed è stata ricoverata per più di un mese. A breve torneremo a casa, pronti a imparare a convivere con le sue nuove capacità.

“Hai un pensiero profondo sul significato di questo evento?”, mi ha chiesto un amico. “Mi sembra che un buon numero di giovani e adulti venga colpito dal nulla da malattie e sofferenze strane”, ha aggiunto.

Penso che stiano accadendo alcune cose, e le vorrei condividere.

1. Dio sta dimostrando il vero potere della preghiera

Alla vigilia del Natale, April ed io eravamo da soli in ospedale e abbiamo parlato al telefono con un amico che ci ha detto: “È una follia. Non riesco a trovare uno slot libero per pregare per voi”.

“Trovare uno slot libero? Di cosa stai parlando?”, gli abbiamo chiesto.

È stato allora che abbiamo saputo che alcuni amici avevano creato un formulario online e che persone di tutto il Paese stavano pregando per April 24 ore al giorno, da Natale a Capodanno.

Penso che siano state quelle preghiere a trasformare questa esperienza e a fare di April una luce per altre persone in ospedale.

Ha raccontato barzellette a tutti coloro che la accudiscono, aiutandoli a scoprire chi è il loro santo patrono. “Sapevi che hai qualcuno che prega per te tutto il tempo in cielo?”, chiede, distribuendo anche foglietti con la sua preghiera preferita, la Litania della Fiducia, e organizzando Messe per persone che ha appena conosciuto.

Dicono che la preghiera serve per cambiare noi, non Dio – e credo che sia questo che la preghiera ha fatto in quest’occasione: ha superato gli sforzi di evangelizzazione di April.

2. La sofferenza serve per umiliarci. E ne abbiamo bisogno

Alcune settimane dopo l’ictus, April ha scritto sul suo diario:

“Una buona amica ha scritto che non riusciva a smettere di pensare che quell’emorragia fosse un bel regalo di Natale di Dio: una possibilità per essere davvero ‘piccola’. Mi piace molto, e non riesco a non pensarci. So che è vero”.

April è madre di nove figli, insegnante, oratrice, organizzatrice di cooperative di educazione domiciliare, catechista di Cresima e molto altro. “La gente mi chiede: ‘Come riesci a fare tutto?’, ‘Sei incredibile!’ Col tempo, questo sentimento non fa bene all’anima. Non promuove sicuramente l’atteggiamento che tutti dobbiamo avere di fronte a Dio. Egli è tutto e io non sono niente. E allora, dopo l’ictus, visto che devo avere persone che mi aiutano a vestirmi, mangiare, andare al bagno…, mi sento molto poco. Ed è una cosa bellissima!”, ha scritto.

Questa è la conclusione a cui Dio vuole che arriviamo circa le croci della nostra vita – e nella pandemia sembra volerlo su scala mondiale.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni