Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

“Papà dobbiamo scappare”. La fuga disperata dai nazisti di “Lolek” Wojtyla

web-karol-wojtyla-clandestine-seminarian-rare-photos-of-john-paul-ii-pope-saint-east-news-e1603820093669.jpg

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 24/01/22

Fatti inediti su Papa Giovanni Paolo II, riportati nel nuovo libro di Svidercoschi: si racconta l’amicizia di Lolek (il suo soprannome) con tre ebrei al momento dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale

È il 1939, l’inizio di uno dei periodi più spaventosi e cruenti che l’umanità abbia mai attraversato: la Seconda Guerra mondiale, la Shoah. Karol Wojtyla è un giovane ministrante quando le truppe tedesche invadono Cracovia. Il suo destino, e quello di tre suoi amici ebrei, poteva essere diverso se non avessero organizzato una fuga rocambolesca per sfuggire ai nazisti. 

Karol Wojtyla “Lolek”

Questo fatto inedito della vita del futuro Giovanni Paolo II, lo riporta il vaticanista Gian Franco Svidercoschi nel suo nuovo libro “Gli amici di Lolek” (TS Edizioni).

«Una storia che si rivela di un’attualità impressionante, scrive Svidercoschi, per il suo essere emblema di fratellanza: quella fratellanza, che si può percepire anche tra uomini e donne di fedi diverse. Questi i nomi dei quattro amici: Jurek e Lolek sono i vezzeggiativi di Jerzy, Jerzy Kluger, e di Karol, Karol Wojtyla; e poi, c’è Kurt, Kurt Rosenberg, e c’è Ewa, dal cognome rimasto sconosciuto. Ah! Stavo per dimenticarlo, tre ebrei e un cattolico». 

6
Karol Wojtyła con alcune allieve vicino alla basilica di San Floriano a Cracovia nel 1951.

“Dov’è il Signor Capitano?”

Nella cattedrale del Wawel, a Cracovia, Lolek sta servendo Messa al suo padre spirituale, don Kazimierz Figlewicz, quando sente l’allarme della sirena e poi la prima delle esplosioni. Tutti escono fuori, il sacerdote ancora con i paramenti, e capiscono la drammaticità della situazione. Gli aerei tedeschi scendono in picchiata sulla città, per sganciare il loro carico di bombe su alcuni obiettivi prestabiliti: la ferrovia, la caserma, il deposito di munizioni, la stazione radio.

«Ma dov’è il “Signor Capitano”?»

«Mio padre!».

Lolek non saluta nemmeno. Comincia a correre all’impazzata nel fumo che ha invaso le strade. Il padre era chiamato Capitano poiché era un ex ufficiale dell’esercito asburgico, ma ormai era a casa e aveva seri problemi di salute.

“Non so dove, ma andiamo via”

Lolek entra, esausto, al numero 10 di via Tyniecka. È lì che abita con suo padre Karol Senior, da quando un mese a mezzo prima sono venuti via dalla loro città, Wadowice, perchè Karol Junior si era iscritto all’Università Jagellonica di Cracovia.

Il “Signor Capitano” lo aspetta sulla porta, spaventato, bianco in volto.

«Dov’eri Lolek? Non ricordavo più dove fossi».

«Papà, dobbiamo andarcene, scappare. I tedeschi non ci metteranno molto ad arrivare a Cracovia».

«Ma dove andiamo?».

«Non lo so, ma intanto andiamo via. Poi vedremo. Per strada sentivo tutti che dicevano di andare verso est. E di non prendere il treno. Saranno già tutti pieni, e poi i tedeschi sparano su ogni convoglio».

La fuga verso est

Tirano giù da un armadio una vecchia valigia, e ci mettono dentro alla rinfusa un po’ di cose. Lolek: «Questa me la porto», è una foto della madre; la bacia e la mette nel borsone. Escono e prendono la strada per Tarnow, verso est, non lontano con i confini con Russia e Romania. Potrebbe essere una via di fuga, un’ultima speranza. Per sfuggire ai rastrellamenti dei nazisti. Lolek: «Ce la fai, papà?». Il figlio sarà lungo, lunghissimo: 200 chilometri. 

Con i profughi ebrei 

La strada per Tarnow è un fiume umano di persone in fuga. Tantissime le famiglie ebree, con le auto e i carretti stracarichi. Nessuno pensa di poter tornare indietro. Lolek Wojtyla si accorge che il padre cammina con difficoltà. Passa un camion, e il ragazzo riesce a convincere il conducente a far salire il Signor Capitano per un tratto di strada. 

Dopo un centinaio di chilometri, però, ricomincia la sofferenza a piedi. La marcia dei profughi procede in mezzo a un coro di lamentazioni, imprecazioni, canti, preghiere…, e viene interrotto da un ronzio sempre più vicino, sempre più minaccioso. 

JOHN PAUL II WITH FATHER
Karol Wojtyla, a 5 anni, con suo papà Karol Wojtyla senior.

L’Armata Rossa

Dall’altra parte del fiume, spuntano i superstiti soldati polacchi, laceri, stanchi, affamati; portano la drammatica notizia: l’Armata Rossa ha passato la frontiera orientale. E proprio il San, con altri due fiumi, Narew e Vistola, segna la divisione della Polonia in due “sfere d’influenza”.

La decisione: si torna a Cracovia

La quasi totalità dei fuggiaschi ebrei decide comunque di continuare l’esodo verso est. «Meglio sotto i russi che sotto i nazisti»

Pochi altri, come i Wojtyla, tornano invece a Cracovia: sanno bene a quale dominazione avrebbero dovuto sottostare, ma almeno là hanno una casa. Per loro ricomincia l’interminabile cammino, questa volta all’indietro. 

La bandiera con la svastica nera 

All’arrivo, la vista della bandiera con la svastica nera sul bastione Sandomierz del Wawel è uno spettacolo angosciante. Lolek Wojtyla mette a letto il padre sfinito: «Papà. non ti preoccupare se quando ti svegli non mi trovi. Mi han detto che le file per il pane cominciano alle cinque…».

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “Gli amici di Lolek”

Tags:
giovanni paolo II
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni