Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Perché molti cattolici si sono rivolti al pentecostalismo?

PENTECOSTALES

Iglesia Pentecostal Unida de España (Fair use)

Miguel Pastorino - pubblicato il 19/01/22

Nella maggior parte dei Paesi tradizionalmente cattolici dell'America Latina, i cattolici diminuiscono e aumentano gli evangelici pentecostali. Perché?

Tranne che nei contesti più secolarizzati dell’America Latina, come in Uruguay, dove i cattolici che abbandonano il cattolicesimo non passano necessariamente ad altre comunità cristiane, ingrossando invece le file dei “credenti senza religione” o degli indifferenti o agnostici, da decenni sappiamo che nella maggior parte dei Paesi tradizionalmente cattolici dell’America Latina i cattolici diminuiscono e aumentano gli evangelici pentecostali.

Paesi con un alto numero di cattolici nominali, ovvero di persone battezzate che non hanno approfondito la fede cattolica e non hanno vissuto un’autentica conversione, man mano che scompare la “cristianità”, la “cultura cattolica”, e la Chiesa smette di avere un peso nella società si allontanano facilmente dall’identità cattolica.

Dall’altro alto, l’impulso missionario evangelico pentecostale riesce a collegare con necessità spirituali che le Chiese tradizionali sembrano non soddisfare. Quali sono le ragioni di questa migrazione religiosa?  

Non è una novità

Non è una situazione nuova, ma ha acquisito nuove caratteristiche e si è acutizzata per via di cambiamenti sociali e culturali. Dal 1979 a Puebla, il Magistero Latinoamericano e i Papi hanno parlato dell’esodo dei cattolici verso le Chiese pentecostali. Giovanni Paolo II a Santo Domingo (1992) nel suo discorso inaugurale ha affermato che i fedeli non trovano nella Chiesa quello che cercano e vanno a cercarlo in altre Chiese o nelle sette. Ad Aparecida (2007), il tema ha continuato ad essere una preoccupazione pastorale dei vescovi.

Studiosi del tema non hanno smesso di avvertire al riguardo. Il problema è che si dà la colpa ai pentecostali, e invece i cattolici dovrebbero chiedersi: “In cosa abbiamo sbagliato?”

Non ci sono libri di esperti cattolici su sette, ecumenismo o pentecostalismo tra il 1986 e il 2020 che non parlino del tema con preoccupazione. Gli studi pubblicati dal Pew Research Center sulla religione in America Latina mostrano la caduta libera del cattolicesimo e l’aumento degli evangelici pentecostali e dei credenti senza affiliazione religiosa.

Bisogna chiarire sempre che questa diminuzione non riguarda i cattolici impegnati nella fede – che sono sempre una minoranza –, ma un cattolicesimo sociale che non viene più sostenuto dall’ambiente socio-culturale e dal crescente pluralismo delle nostre società.

Le cause socio-culturali

Esiste una grande stanchezza di fronte a un cristianesimo tradizionale che non risponde alle necessità spirituali e affettive dei credenti, che quindi cercano nuove esperienze.

La crisi del mondo moderno interessa le chiese che si sono amalgamate con la modernità razionalista, e in particolare il cattolicesimo, che dopo il Concilio Vaticano II ha privilegiato un’azione pastorale rivolta al sociale e ha trascurato – quando non abbandonato – le dimensioni dottrinale, mistica e spirituale della religione, lasciando i fedeli vulnerabili a qualsiasi proposta di senso potesse riempire quel vuoto.

Si percepiscono un esaurimento di tutto l’aspetto burocratico e istituzionale e una fede ridotta a un vago discorso sui valori.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
america latinachiesa pentecostalereligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni