Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Massimo Recalcati: i principi della psicoanalisi derivano dalla Bibbia

psicoanalista recalcati

TV 2000 | Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/01/22

"Nel mio lavoro cerco di mostrare che alcuni grandi temi, come quelli della Legge, dell’amore, dell’odio, della discendenza provengono direttamente dal logos biblico"

Lo psicoanalista Massimo Recalcati ha analizzato su “Famiglia Cristiana” il legame tra la Bibbia e la disciplina da lui praticata: “Affrontano entrambe la condizione umana…”

Il “debito” della psicoanalisi

La lettura della Bibbia che Recalcati fa a livello lavorativo è «un’operazione scabrosa e, probabilmente, anche molto discutibile, perché si tratta di dimostrare che ci sono radici bibliche della psicoanalisi. La quale si è nutrita di alcuni grandi concetti, presenti nelle Sacre Scritture, sebbene la psicoanalisi abbia sempre negato questo debito». 

Il logos biblico

«Nel mio lavoro – prosegue Recalcati – cerco di mostrare che alcuni grandi temi, come quelli della Legge, dell’amore, dell’odio, della discendenza provengono direttamente dal logos biblico. Sia la psicoanalisi che la Bibbia affrontano la condizione umana senza mai fare della retorica, non fanno sconti. Esse condividono la resistenza allo scientismo dilagante, al feticismo del numero che lo caratterizza, ma anche la resistenza nei confronti del mito del consumo per il consumo, del profitto, del cinismo, del nichilismo».

L’essenza della madre

Nel prosieguo della sua chiacchierata con “Famiglia Cristiana”, Massimo Recalcati ha commentato anche la figura della Vergine Maria, che incarna veramente l’essenza della madre, perché «mostra come è possibile amare un figlio sapendo che il suo destino è già segnato con la morte sulla croce». 

Esperienza di “donazione”

«Tutti i figli, in fondo – ha concluso lo psicoanalista – assomigliano al figlio di Maria, perché tutti sono destinati a morire sulla croce, cioè a separarsi dalla madre… È quello che rende la cura materna non tanto un’esperienza di sacrificio, ma di donazione. Una madre insegna al figlio a vivere e, in un certo senso, a morire» (Il Sussidiario.net).

Tags:
massimo recalcati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni