Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

I messaggi toccanti del marito di una madre di 9 figlie, incinta e in terapia intensiva per Covid

WEB-WOMAN-PREGNANT-BELLY-HANDS-HOSPITAL-Sakhorn-Shutterstock_125744078

Sakhorn/Shutterstock

Dolors Massot - pubblicato il 13/01/22

I messaggi di Josep commuovono per la fede e la speranza che dimostrano. Migliaia di persone in Spagna stanno pregando per María Todolí

María Todolí è madre di 9 figlie ed è incinta della decima creatura, Caterina. María ha contratto il Covid-19 e si trova nel reparto di terapia intensiva di un ospedale di Valencia (Spagna). Da qualche giorno le sue condizioni sono molto gravi.

Il marito, Josep, ha inviato degli audio per Whatsapp, e si è generata una catena di preghiera grazie alla quale ora migliaia di persone nei cinque continenti stanno pregando per la salute di María e della sua bambina.

La fede di Josep è esemplare. Nel suo primo audio, del 5 gennaio, in cui comunicava che María sarebbe stata intubata per favorire la respirazione, diceva:

“María e Caterina saranno tra le braccia della Vergine, si addormenteranno lì. Sarò anch’io lì. Le bambine e Josepet (lui) saremo anche noi lì. Chiunque voglia può stare tra le braccia della Vergine e vedere come sia lei a condurre la storia. E come anche Dio, che è un papà, guidi la nostra storia. Staremo tutti tra le loro braccia, insieme a María e Caterina”.

Josep chiede di “fare rumore” pregando

“A differenza di María e Caterina, noi non dormiremo, faremo molto rumore perché María e Caterina si risveglino. È la nostra missione, fare rumore. María voleva sempre dormire e non glielo lasciavano fare, non c’era modo di lasciarla riposare. Continueremo a fare lo stesso, non la lasceremo riposare. Devono risvegliarsi qui, lei e Caterina”.

MARIA TODOLI

Proseguiva Josep:

“Stiamo bene, non vi preoccupate. Il Signore ci sostiene. Le Sue braccia ci stanno sostenendo. María è molto grata. Ho parlato con lei, è piena d’amore, me lo ha detto. Grata per tutti voi, per tutto l’amore che le avete dato in questi giorni. E allora coraggio. Mettiamoci tra le braccia della Vergine insieme a María e Caterina e preghiamo, preghiamo, preghiamo, facciamo rumore perché poi, tra qualche giorno, si sveglino e possiamo stare insieme”.

“Lei si sveglierà e ci ringrazierà. Non sappiamo quale sia la volontà di Dio. Se Egli vuole che si risvegli qui lo farà, altrimenti si sveglierà guardando direttamente Dio. La nostra speranza è che si svegli, e si sveglierà sicuramente. E noi la rivedremo, qui o in cielo. E allora un abbraccio a tutti, grazie per il fatto di stare lì. Vi voglio molto bene, e anche María. Un bacio”.

María Todolí è ora semicosciente, anche se resta in terapia intensiva per via della polmonite provocata dal Covid. Il marito continua a chiedere preghiere, e nei suoi messaggi emergono la fede nella recita del Rosario e la fiducia riposta totalmente in Dio.

“Personalmente ho detto a Dio che Lui sa tutto. Che la sicurezza che posso avere nella mia vita è Lui. Che le mie figlie sono Sue, ed Egli saprà ciò che è meglio. Io non lo so, non ne ho idea. Bisogna continuare a pregare. Se Dio vuole, farà guarire María e Caterina. E se Dio vuole compirà il miracolo di essere tutti confortati. Perché è il Padre, è mio Padre, è il Padre delle mie figlie, e la Vergine Maria è la Madre, e allora sono giunto al punto di dire: ‘Signore, Tu sei la mia Roccia. Le notizie dei medici non mi sostengono. Solo Tu sei la mia Roccia. Tu sei il Padre delle mie figlie. Tu saprai, Tu saprai cos’è meglio per loro. Tu saprai cos’è meglio per me”.

“María è semicosciente. Pregate per lei, pregate moltissimo per lei. Io prego per voi, in ogni momento”.

  • 1
  • 2
Tags:
covidmadre
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni