Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

5 ragazzi salvano una neonata abbandonata a -20 gradi in Siberia

NEWBORN, WINTER, SLEEP

Koldunova Anna | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 13/01/22

Sta bene la bimba di 3 giorni abbandonata in una scatola e lasciata esposta al gelo siberiano. 5 adolescenti e la luce dei loro cellulari sono diventati provvidenza per quel fagottino infreddolito.

L’hanno vista dentro una scatola di cartone per uova, abbandonata letteralmente al freddo e al gelo. La temperatura era scesa a -20 nel villaggio di Sosnovka vicino a Novosibirsk, in Siberia. 5 adolescenti che facevano una passeggiata nel giorno del Natale ortodosso sono diventati la provvidenza di una neonata di appena 3 giorni, che rischiava di morire di assideramento.

Una neonata abbandonata nel gelo

Era il 7 gennaio, in Russia si festeggiava il Natale Ortodosso. Nel pomeriggio 5 adolescenti hanno fatto una scoperta inattesa mentre facevano una passeggiata. Quasi novelli pastori, si sono ritrovati a contemplare un fagottino infreddolito. Erano increduli, ma sì, di fronte ai loro occhi c’era una scatola di cartone e dentro una neonata piccolissima. I genitori dei ragazzi sono stati i primi ad aiutarli nei soccorsi e hanno raccontato ai giornalisti la scena:

“Era già buio, [i ragazzi] hanno usato la luce dei cellulari per vedere cosa c’era nella scatola” ha dichiarato il signor Litvinov.

C’era una neonata avvolta in stracci e una bottiglia, ha aggiunto. Lui e sua moglie Anna erano stati chiamati sul posto da loro figlio, Renat. Hanno subito portato la bambina in ospedale. La paura era che la bimba, di circa tre giorni, si fosse congelata e non sopravvivesse.

Da BBC

Tra i molti dettagli eclatanti di questa storia, anche il buio. Il rischio di morte era altissimo (qui c’è il tocco leggero e potente dell’angelo custode, viene da dire). Oltre al freddo impietoso che aveva raggiunto i -20 gradi, anche il sopraggiungere della notte. A un passo dal buio, la luce dei cellulari di 5 adolescenti si è fatta provvidenza. E chi avrebbe avuto una fantasia così ardita da pensare una trama del genere?

Neonata abbandonata al freddo siberiano, pare un copione dal finale tragico già scritto. E invece no. Possiamo raccontare questa vicenda ai nostri figli, ricordiamo loro che lì dove sono e come sono fanno la differenza. La nostra nuda presenza fa la differenza.

Il pezzo di storia che manca, la madre

C’è però un pezzo di storia che resta al buio. La polizia sta indagando su chi siano i genitori della neonata. Ma quale madre avrebbe il coraggio di lasciare una figlia appena nata così fragile ed esposta a un freddo polare? E’ la domanda che ci facciamo tutti. Non ne sappiamo la risposta e c’è da trattenersi dal formulare conclusioni istintive. C’è sempre un abisso di silenzio tra noi e l’altro. Non è pietismo pavido, questo; è una coscienza realista. La nostra condotta personale non è una linea retta che va dal bene al male, quante volte ci ritroviamo affranti a dire, anche di fronte a chi ci conosce bene: tu non mi capisci!

NEWBORN, HOSPITAL, CARE

Nessuno si capisce fino in fondo, il silenzio di fronte al mistero che siamo non è omertà ma attesa di un incontro vero, oltre l’istinto della prima reazione. Non sappiamo – per ora – nulla di chi ha abbandonato la neonata. Un gesto palesemente crudele. Come si arriva a questa freddezza innaturale verso una creatura piccola e fragile? Questa domanda muta di una risposta plausibile è un silenzio fecondo, che ci libera da molte presunzioni e insieme ci lacera di dolore.

La corsa all’adozione

Arrivata all’ospedale, una dottoressa si è subito presa cura della bimba, riscaldandola attraverso un delicato massaggio delle braccia e delle gambe. […] Il colorito della neonata si è fatto roseo e ora riposa tranquilla nel reparto di pediatria dove si stanno occupando di lei.

Ibid.

Va dato atto a questa piccolissima creatura di avere una tempra forte. Resistere e riprendersi dall’essere stata esposta a un freddo quasi polare è una prova di forza incredibile. Ma i neonati ci hanno abituato a infrangere i nostri stereotipi sulla loro fragilità. La vita è capace di sorprese, alla faccia dei calcoli sempre più algidi fatti a scapito dei fragili e dei deboli.

L’ultimo elemento provvidenziale di questa storia è stata la disponibilità con cui la famiglia intervenuta prontamente nel soccorso è stata altrettanto pronta a candidarsi per l’adozione della piccola. I coniugi Litvinov hanno già tre figli, uno di loro è tra i ragazzi protagonisti della scoperta clamorosa. Hanno subito manifestato il loro desiderio di adottare la neonata.

BOYS, SNOW, WALK

Per ora la pratica di adozione è in sospeso perché si cerca di risalire alla famiglia della bambina, nel tentativo di rintracciare qualche parente biologico.

Doveva essere una storia di freddo, ma il calore umano trabocca. Non è scontato, ma rispecchia profondamente le nostre attese. Nel mezzo del cammino di ciascuno, quando tutto parla di buio e morte, aspettiamo un incontro che inverta il corso degli eventi.

Tags:
cronacagiovanineonati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni