Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 29 Settembre |
Santi Arcangeli
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Debora Vezzani, un nuovo canto di gioia per Maria, Madre di Dio

DEBORA VEZZANI

Debora Vezzani | Youtube

Annalisa Teggi - pubblicato il 03/01/22

S'intitola Mother of God. Racconta Debora: "La melodia è arrivata da sola in un momento di combattimento spirituale pochi giorni fa, il 28 Dicembre, festa dei martiri innocenti".

I cristiani sono gente un po’ matta. Spero che Debora sorrida nel leggerlo. Sì, perché ci vuole non tanto coraggio, ma proprio un sano pizzico di follia a parlare di gioia in questi giorni. D’altra parte siamo figli di un Dio che si è incarnato neonato nel freddo di una grotta. L’azzardo su una radicale positività del reale è nel nostro DNA spirituale.

Maria, una sorpresa di gioia

E così, Debora Vezzani ha tirato fuori un nuovo canto di gioia dedicato a Maria (e a tutti noi) pochi giorni dopo Natale. S’intitola Mother of God. E’ stata una sorpresa anche per lei, in un momento difficile. Lo ha raccontato con queste parole:

Il testo è quello dell’Ave Maria in lingua inglese e la melodia è arrivata da sola in un momento di combattimento spirituale tre giorni fa, il 28 Dicembre, festa dei martiri innocenti, tra cui i bambini uccisi con l’aborto. Quel giorno percepivo profondamente il disprezzo che il demonio ha verso i piccoli in grembo, e ho deciso di chiamare Maria per far finire quel triste momento… mi sono ritrovata ad aprire la bocca ed è subito uscita una melodia dolcissima, con le parole dell’Ave Maria in inglese. E subito il combattimento è finito.

Non si direbbe che c’è una parentesi di buio dietro questa musica. L’ascolterete e sarete travolti in uno di quei balli che si fanno da bambini, la gioia senza un perché dell’infanzia – direbbe Chesterton. E non vuol dire che ci manca il motivo per la gioia, l’opposto. Quando uno ha un Padre e una Madre che custodiscono una gioia eterna, allora si può essere felici di tutto, anche senza un motivo particolare. Anche al buio.

Ed è altrettanto ammirevole che questo canto non sia altro che l’Ave Maria. C’è una novità da scoprire di nuovo, da capo, dentro quelle parole che conosciamo a memoria fin da bambini. L’idolo del nuovo, dell’insolito, del “mai detto prima” sono un grosso abbaglio tipico di un mondo che non sa più stupirsi della Buona Notizia più incredibile che esista, e allora raccatta piccoli stupori in clamori nuovi e passeggeri.

La gioia è un girotondo, gira sempre attorno a un fuoco vitale che non si spegne. Maria con noi, adesso e nell’ora della nostra morte. (Sentirete come Debora spinge sull’entusiasmo, cantando proprio queste parole…).

Lasciamoci tenere per mano come figli

L’ispirazione arrivata improvvisa ha lasciato stupita anche Debora che si è ritrovata a riascoltare il suo canto quasi da ‘estranea’, da chi – in fondo – ha preso appunti da una brezza leggera arrivata dall’alto.

Leggendo poi l’intero testo per completare la musica la frase “mother of God” mi ha colpita particolarmente, perché mi ha dato la sensazione della regalità di Maria, della sua fermezza, del suo essere condottiera, una madre che a qualunque costo vuole portare in salvo i suoi figli. […] mettendo insieme tutti questi e altri elementi, ho capito che con questa Ave Maria in inglese Maria vuole dire a tutto il mondo che il momento del suo Trionfo è sempre più vicino, che la nostra Mamma e condottiera, così come con questa melodia mi ha aiutata in quel combattimento, ci invita alla recita del Rosario affinché possiamo essere vittoriosi sul male, in questo combattimento finale contro la vita e la famiglia.

View this post on Instagram

A post shared by Debora Vezzani (@deboravezzani_official)

E’ nei momenti in cui c’è la tentazione della disperazione, della disillusione, che siamo chiamati alla robustezza della gioia. Siamo in compagnia di una Madre che ci cammina davanti per portarci a casa. Se non seguiamo Lei, l’alternativa è rimanere impantanati nelle paludi dell’allarmismo e vittimismo, sferzati dal vento freddo che si sente tutte le volte che apriamo un giornale. Ma non basta che siamo noi a seguire. Siamo pronti a rendere ragione di questa gioia a chi è lontano dall’incontro con Gesù? Siamo pronti a rendere ragione del perché cantiamo di gioia mentre tutti si stracciano le vesti?

Tags:
Debora Vezzanimadonnamusica cristiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni