Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Incinta a 23 anni, sua madre le chiede di abortire ma lei sceglie la vita

Mladen Zivkovic | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 31/12/21

Quando Giulia scopre di essere incinta lo confida a sua madre che va su tutte le furie. Alberto invece è contento di diventare papà anche se non lo avevano programmato, e ha un lavoro precario. La ragazza è molto confusa e sta per scegliere di abortire. Fondamentale sarà l'incontro con i volontari del CAV Mangiagalli di Milano...

La pagina facebook del Centro Aiuto alla Vita Mangiagalli di Milano ieri ha postato una storia che ci sembra benaugurante raccontarvi proprio oggi, ultimo giorno dell’anno. Perché è una storia che dà il ben servito alla morte, e ribalta quelle che al suo inizio sembravano certezze. No, un figlio a vent’anni no, c’è lo studio, la laurea, la carriera. Il finale pare scontato, la decisione sembra presa. Ma la vita, pure all’ultimo millesimo di secondo, può virare verso altre strade, può scrivere “sì” dopo mille no, può dire “ci credo” al posto di “non è possibile”.

Incinta a 23 anni

Giulia di fronte al test di gravidanza positivo lo avrà urlato chissà quante volte quel “non è possibile”. A se stessa e al suo fidanzato Alberto, 27 anni, laureato e con un lavoro a tempo determinato. Per lei, 23enne, studentessa all’università con il sogno di diventare architetto, la notizia di un figlio in arrivo pare davvero la fine. Come le ripete sua madre, “che va su tutte le furie” quando Giulia le confida di essere incinta. Non vuole che la figlia tenga il bambino. Per Giulia dubbi e paure si moltiplicano, e sicuramente pure i sensi di colpa:

Mia mamma ha investito su di me tante aspettative, quelle che a lei sono mancate. Continuiamo a litigare, lei insiste che non avrò futuro e che il mio fidanzato non si prenderà cura di me e del nostro bambino, in fondo a lei Alberto non è mai piaciuto.

(CAV Mangiagalli)

Il fidanzato la incoraggia a tenere il bambino

Invece Alberto è felice di diventare papà anche se non era in programma: lui c’è e lo dice a Giulia per rassicurarla e incoraggiarla. Davvero questo è un amore che può solo crescere.

Ma lei è in crisi, il parere di sua madre è importante, fondamentale, visto che è rimasta orfana di padre quando era ancora una bambina. Così, purtroppo, decide di richiedere il certificato per l’interruzione volontaria di gravidanza, anche se…

(…) qualcosa dentro di lei inizia a farsi sentire. Avverte un’emozione particolare, mai provata prima, si domanda cosa le stia succedendo.

(Ibidem)

L’incontro con i volontari del CAV Mangiagalli

Spinta da queste sensazioni nuove e straordinarie si reca insieme ad Alberto, e senza dirlo alla madre, al Centro Aiuto alla Vita Mangiagalli di Milano:

Ha bisogno di parlare con qualcuno, con calma, senza litigi, senza giudizi. Vuole semplicemente essere ascoltata.

(CAV Mangiagalli)

Spesso capita che nei momenti cruciali della vita, chi abbiamo di più caro e vicino parli molto senza ascoltare veramente. Lo fa in buona fede con il proposito di aiutare, e sempre con le migliori intenzioni. Accade però che la preoccupazione e l’apprensione per il proprio familiare tolgano spazio all’ascolto profondo: l’unica cosa che serve veramente lasciando comunque l’altro libero di fare la propria scelta.

Il 12 dicembre è nato Lorenzo

Passa il tempo, cambiano le stagioni, e poi arriva un messaggio ai volontari del CAV, un vero dono natalizio:

Il 12 dicembre è nato Lorenzo, questo Natale non potevamo ricevere regalo più bello.

(Ibidem)

Il racconto (e la gioia) di Giulia ai volontari del CAV Mangiagalli

Giulia contatta al telefono il Centro Aiuto alla Vita, e come un fiume in piena racconta:

(…) ho scelto di tenere il bambino pensando al mio futuro, al nostro futuro. Sono certa che riuscirò a laurearmi e a trovare un lavoro, ora sono ancora più motivata! Alberto è felicissimo e quasi dimenticavo… Nell’azienda dove stava lavorando, quando hanno saputo che stava per diventare papà, hanno trasformato il contratto a tempo indeterminato.

(CAV Mangiagalli)

Ecco perché si dice che ogni bambino nasce con il suo fagottino.

Il dolore di sua mamma che da giovanissima aveva abortito

Giulia ha il cuore pieno di gratitudine e speranza nel futuro! Nessun rancore nei confronti della mamma che alla nascita del nipotino ha finalmente ripreso a frequentarli. È una donna che porta nel cuore un dolore grande che per la prima volta confida a sua figlia: da giovanissima per volere della sua famiglia aveva interrotto una gravidanza.

Certe sofferenze irrisolte sono voragini che possono risucchiare tutta l’esistenza. Ma la vita, pure nelle lacrime e nel dolore, è pronta a risvegliarci con il vagito di un neonato.

Ah, che vita meravigliosa
Questa vita dolorosa
Seducente, miracolosa
Vita che mi spingi in mezzo al mare
Mi fai piangere e ballare
Come un pazzo insieme a te

(Diodato, Che vita meravigliosa)
Tags:
centro aiuto alla vitamamma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni