Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 22 Gennaio |
Sant'Agnese
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

“Vuoi sposarmi?”, la proposta del direttore d’orchestra a fine concerto

@orchestrasenzaspine | Instagram

Paola Belletti - pubblicato il 30/12/21

Teatro Duse, Bologna, il concerto è "Bollicine" dell'orchestra Senzaspine. Lui dirige, lei suona il flauto. Prima del bis, arriva la grande sorpresa.

Concerto di fine anno al Duse di Bologna

E’ il 28 dicembre quando l’orchestra fondata da Matteo Parmeggiani e Tommaso Ussardi arriva all’ultimo brano del concerto “Bollicine”, un insieme di brani tra i più celebri e festosi della tradizione viennese e di quella operistica italiana.

Debuttato nel 2013 lo spettacolo musicale è diventato un appuntamento fisso e sempre atteso. Forse perché l’Orchestra di 90 elementi che lo esegue mantiene la promessa dei fondatori: la musica classica non ha spine, si può “toccare”, è piacevole, possiamo viverla e godercela tutti.

‘Bollicine’ è il tradizionale concerto di fine anno dell’Orchestra Senzaspine, giunto alla sua ottava edizione. Il concerto (…) torna dopo lo stop avvenuto nel 2020 a causa della pandemia.

Teatro Duse

Lui e Lei

Matteo dirige, Annamaria Di Lauro è il primo flauto dell’orchestra. Prima dell’atteso bis arriva però un’altra richiesta, molto più attesa ma, dichiara la giovane ai microfoni di Sky che già il giorno dopo li hanno intervistati, per niente preventivata.

Da tanto tempo lei domandava a lui “quando ci sposiamo?”; è una cosa molto importante per me, dichiara alla rubrica di Spettacolo della rete.

E lui rimandava sempre; ora è presto, vediamo, sì ma non ora non è il momento. Sto citando a memoria e anche un po’ a stereotipo confermato da anni di esperienze vissute e sentite raccontare.

Non fanno spesso così gli uomini? non tutti, non sempre ma spesso. E altrettanto spesso, mi pare di poter dire generalizzando bonariamente, quando si decidono si decidono e non ce n’è più per nessuno e forse a quel punto a vacillare, per l’emozione e la sorpresa, siamo noi donne.

La creazione di una nuova famiglia: che proposta!

Matteo Parmeggiani lo sa e, dichiarando al pubblico di volerlo rendere partecipe “della creazione di una nuova famiglia” (che espressione fantastica, vera, tradizionale, filosofica e teologica insieme), si rivolge alla sua bella augurandosi che non le prenda un colpo.

Lei, che non riesce a nascondere l’evidente meraviglia, si copre, buffissima, col flauto: come i bimbi che quando giocano a nascondino si nascondono dietro ad un alberello magrolino.

Ha detto sì!

Ora sulle spine c’è lei, la recanatese di talento, vincitrice di borse di studio, premi, ruoli primari in orchestre prestigiose; ma davanti al proprio innamorato, alla fine, siamo un po’ tutte uguali. Emozione, attesa, senso di una promessa che sta per compiersi (e nessuna ormai abbocca a “e vissero felici e contenti” senza avere ben presente che quella felicità si costruisce, per quella gioia ci si sacrifica, in due).

Ora io mi metto in ginocchio, sperando non le venga un colpo, e le chiedo:

“Annamaria, vuoi sposarmi?”

Matteo Parmeggiani

Quando capisce che non c’è più scampo inizia a sorridere imbarazzata e sopraffatta e accenna ad un romanticissimo gesto in direzione del suo cavaliere (“ti taglio la gola!”).

Lei prende l’anello che le offre e risponde di Sì con un bacio.

Adesso è il momento del Bis

Il teatro a partire dai membri dell’orchestra scoppia in urla di gioia e scrosci di applausi; il collega del direttore guadagna il posto di comando a dà il via al Valzer dei Fiori dallo Schiaccianoci di Ciajkovskij.

Perché mettere tutto in piazza?

Tra i moltissimi entusiasti commenti sotto ai post che raccontano la notizia non mancano i critici. Uno su tutti si chiede perchè una cosa tanto bella e intima venga spettacolarizzata.

Perché è la notizia tra le più interessanti che ci siano: è come ha detto lui, stiamo assistendo da testimoni alla creazione di una nuova famiglia.

Questa affermazione è talmente vera che resiste anche anagrammandola: la famiglia è l’inizio della nuova creazione.

Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni