Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Settembre |
San Venceslao
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

L’arcangelo Raffaele ha accompagnato alla morte santa Crescentia Hoss

suor crescentia hoss

Flickr

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/12/21

Le testimonianze del suo direttore spirituale sono state inserite nel processo canonico della mistica tedesca

Testimonianze di “amici” dell’arcangelo Raffaele: mistici e mitiche che sostengono di averlo visto o incontrato: tra essi c’è una santa tedesca, Santa Maria Crescentia Hoss.

La sua conoscenza con l’arcangelo Raffaele è documentata nel libro San Raffaele arcangelo – Dio ha guarito”, di Fausto Bizzarri e Marcello Stazione (edizioni Segno). 

SAINT RAPHAEL,ARCHANGEL
L’arcangelo Raffaele.

Le visioni dell’angelo quando era bambina  

Hoss apparteneva al Terz’Ordine regolare di san Francesco e nacque il 20 ottobre del 1682 a Kaufbeuren, cittadina della Baviera. 

Fin da bambina fu favorita da visioni celesti. Quando non poteva andare in chiesa si nascondeva in un angolo della casa per conversare più liberamente con Dio e con l’angelo custode che ogni tanto le appariva e le suggeriva come soccorrere i poveri. Fu lui che le rivelò, quando aveva quattordici anni, che un giorno avrebbe vestito l’abito francescano. 

Le vessazioni del diavolo

La santa, ammessa tra le terziarie francescane nel 1703. E l’anno dopo per lei arrivò la professione solenne con il nome di suor Maria Crescenzia. Subì vessazioni demoniache e scambiata per una strega. 

La comunione angelica

Un giorno del 1721 la superiora al momento della comunione ordinò a suor Crescenzia di portarsi in cucina. Questa ubbidì ma, mentre compiva il suo lavoro tutta assorta come al solito in Dio, un serafino le portò l’eucaristia. Il prodigio si rinnovò altre volte e la presenza dell’angelo che le portava la santa comunione continuò per due anni interi nei giorni in cui la comunità non si accostava alla sacra mensa.

CENTRAL PARK

“Madre, San Raffaele verrà presto?”

Santa Crescentia Hoss aveva una tenerissima devozione verso l’arcangelo Raffaele ed aveva spesso annunciato che l’arcangelo Raffaele l’avrebbe condotta al cospetto del tribunale divino. Non molto tempo prima della sua morte, padre Pamer, il suo confessore che l’assisteva disse: “Madre, san Raffaele verrà presto?”. Essa sorridente rispose: “È già qui”, disse lei distintamente. Furono le sue ultime parole sulla terra. Si spense nella notte di Pasqua, il 6 aprile 1744. 

Corpo profumato 

Il suo corpo, come era già successo durante la malattia, continuò ad effondere intorno a sé un soave profumo e si conservò flessibile. Leone XIII la beatificò il 27 luglio 1900 e Giovanni Paolo II la canonizzò il 25 novembre 2001.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO: San Raffaele arcangelo – Dio ha guarito”

Tags:
angeli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni