Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Un pellegrinaggio alle “piccole celle” di San Romualdo

Camaldoli

Photo courtesy of Bret Thoman, OFS

Bret Thoman, OFS - pubblicato il 28/12/21

Il fondatore dell'Ordine Camaldolese cercava rifugio in piccole celle, ed era convinto che il silenzio fosse necessario per il raccoglimento e che i grandi monasteri fossero fonte di troppe distrazioni

San Romualdo) è stato il fondatore dell’Ordine Camaldolese e una figura importante del “monachesimo eremitico” del XX secolo.

Era nato a Ravenna nel 952 in una famiglia nobile. Dopo un duello familiare sanguinoso che coinvolse suo padre, entrò nel monastero di Sant’Apollinare in Classe. In seguito si recò a Venezia, dove si pose sotto la guida spirituale dell’eremita Marino e incontrò uno dei più importanti monaci riformatori del X secolo, l’abate Guarino. 

Tornò poi a Ravenna, dove venne nominato abate. Dopo aver lasciato quell’incarico iniziò a viaggiare, fondando e riformando instancabilmente monasteri ed eremi in tutta la penisola italiana.

La sua regola nell’evangelizzazione era “Tacente lingua et predicante vita” (Con una lingua che tace e una vita che predica).

Cercava spesso rifugio in piccole celle, convinto che il silenzio fosse necessario per il raccoglimento e che i grandi monasteri fossero fonte di troppe distrazioni. Questo approccio fu una pietra miliare della sua spiritualità.

La fondazione dell’Ordine Camaldolese

Verso il 1012 arrivò nella foresta di Casentino, sugli Appennini toscani. Qui incontrò un nobiluomo di Arezzo, il conte Maldolo, che possedeva delle terre nel bosco. Affascinato dalla spiritualità di Romualdo, il conte gli concesse le sue proprietà per la preghiera e la contemplazione. Il nome, Camaldoli, derivò dal termine latino per indicare la zona, Campus Maldoli, Campo di Maldolo.

Romualdo eresse un monastero vicino al fiume. La Regola che scrisse era simile a quella benedettina, ma a Camaldoli egli aggiunse una seconda forma di vita a quella monastica tradizionale: quella dell’eremo.

A circa tre chilometri dal monastero, eresse una serie di celle. Lo stile di vita dell’Ordine Camaldolese consisteva di due forme di vita: una vita monastica in cui i monaci vivevano in comunità e un’altra eremitica, con i monaci che trascorrevano la maggior parte del loro tempo in piccole celle.

Dopo aver fondato la comunità di Camaldoli, San Romualdo andò nelle Marche, dove morì in una piccola cella il 19 giugno 1027. Venne canonizzato da Papa Clemente VIII nel 1595.

  • 1
  • 2
Tags:
eremopellegrinaggiosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni