Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Sacerdote in pensione scopre inni perduti del XVI secolo alla Madonna Addolorata

OUR LADY OF SORROWS

Zarateman | CC BY-SA 4.0

J.P. Mauro - pubblicato il 27/12/21

Padre Michael Rear ha assicurato la sopravvivenza degli inni pubblicandoli nell'appendice del suo nuovo libro sul priorato di Walsingham

Tre inni che si credevano perduti sono stati ritrovati nel Santuario Nazionale di Nostra Signora di Walsingham, in Inghilterra. I testi dimenticati sono stati scoperti nell’ultima copia esistente del Breviario di Walsingham. L’ultima volta in cui sono stati eseguiti in chiesa risale a prima della dissoluzione del monasteri, nel XVI secolo.

SecondoThe Tablet, la scoperta è stata effettuata da un ex parroco di Walsingham, p. Michael Rear, mentre stava lavorando alla seconda edizione del suo libro Walsingham: Pilgrims and Pilgrimage (Walsingham: Pellegrini e Pellegrinaggi), che celebra il 950° anniversario di Walsingham. 

Gli inni

Gli inni sono una raccolta unica, e i testi non figurano nei breviari di altre case religiose agostiniane. Essendo pezzi isolati nel Breviario di Walsingham, si ritiene siano stati scritti da un autore di inni che viveva a Walsingham. È probabile che non siano mai stati cantati al di fuori del santuario dell’XI secolo.

Non si sa esattamente quanto siano antichi, ma si riferiscono alla Madonna Addolorata con l’invocazione ben più antica di Nostra Signora della Pietà. I testi sono scritti dalla prospettiva di Maria e parlano del dolore che ha provato testimoniando la crocifissione di suo Figlio. P. Rear ha riferito al Tablet che i monaci vissuti all’epoca della dissoluzione dei monasteri possono aver trovato questi brani particolarmente toccanti:

“All’epoca, due dei coristi – Ralph Rogerson e George Guisborough – erano stati impiccati, sventrati e squartati, come il loro vicepriore, il canonico Nicholas Mileham”, ha affermato, aggiungendo che erano stati condannati per il loro ruolo in un piano per salvare il priorato. “Devono essersi accorti che il destino era segnato; nulla avrebbe salvato il loro priorato o la loro vita religiosa”.

Revival

Walsingham ha riferito sul suo sito web che la congregazione ha riportato in vita gli inni il 15 settembre scorso. Nella festa della Madonna Addolorata, quei brani sono stati riascoltati per la prima volta dopo secoli. Con solo il testo su cui lavorare, gli inni sono stati adattati a melodie usate per altri inni, com’è tradizione. Walsingham ha elencato le melodie usate:

“In questa occasione abbiamo usato ‘Westminster Abbey’ (più noto come ‘Christ is made the sure foundation’), ‘Picardy’ (‘Let all mortal flesh keep silence’), e ‘Rockingham’ (‘When I survey the wondrous Cross’)”.

P. Rear ha dichiarato di sperare che gli inni possano diventare “ampiamente noti, perché sono splendidi”, e si è assicurato che non potessero essere nuovamente dimenticati pubblicandoli nell’appendice della nuova edizione del suo libro.

Il santuario non ha indicato se ci siano progetti per registrarli, ma in futuro potrebbe accadere.

Tags:
innivergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni