Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 11 Agosto |
Santa Chiara di Assisi
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

C’è posto nell’albergo per Gesù Bambino nella nostra epoca?

VIRGIN

Shutterstock | CURAphotography

Theresa Civantos Barber - pubblicato il 27/12/21

Possiamo fare la nostra parte per rendere questo mondo un luogo veramente sano e accogliente per mamme e bambini

Vari anni fa, quando Papa Francesco ha visitato la Terra Santa, ha celebrato la Messa a Betlemme. Non posso fare a meno di pensare alla forte dichiarazione che ha fatto dal pulpito, che sembra affrontare direttamente tanti problemi di oggi.

Il Papa ha iniziato con una toccante descrizione del Cristo Bambino:

“Il Bambino Gesù, nato a Betlemme, è il segno dato da Dio a chi attendeva la salvezza, e rimane per sempre il segno della tenerezza di Dio e della sua presenza nel mondo. L’angelo dice ai pastori: «Questo per voi il segno: troverete un bambino…”

Il Bambino Gesù è un segno, e quello che secondo il Pontefice significa per noi è sia memorabile che impegnativo. Francesco si è concentrato sull’accoglienza data ai bambini nel mondo di oggi dicendo:

“Anche oggi i bambini sono un segno. Segno di speranza, segno di vita, ma anche segno “diagnostico” per capire lo stato di salute di una famiglia, di una società, del mondo intero. Quando i bambini sono accolti, amati, custoditi, tutelati, la famiglia è sana, la società migliora, il mondo è più umano”.

Analizziamo e assumiamo davvero il pieno significato di quello che ha detto. Il modo in cui una società accoglie i bambini rivela quanto sia sana. Si può giudicare una Nazione dal modo in cui tratta i suoi bambini (e altri membri vulnerabili della società).

Se dovessimo dare un voto alla nostra società in base al modo in cui accoglie i bambini, sarebbe probabilmente molto basso. C’è un motivo per cui tanti giovani optano per non avere figli, decisione che porta all’inverno demografico. Eccone solo qualcuna per quanto riguarda gli Stati Uniti:

  • Gli Stati Uniti hanno il tasso di mortalità più elevato tra i Paesi sviluppati.
  • Il sistema sanitario statunitense è privo di sostegni post-partum, lasciando le neomamme in uno stato di disperazione in un periodo incredibilmente difficile e vulnerabile.
  • Gli Stati Uniti sono l’unica Nazione sviluppata che non stabilisce alcun congedo retribuito per i neogenitori, costringendo molte donne a tornare al lavoro prima di essersi riprese fisicamente dal parto e di essere emotivamente pronte a staccarsi dal proprio bambino.
  • Le problematiche economiche fanno sì che gli aspiranti genitori debbano affrontare rispetto ai loro genitori e nonni “orari più lunghi, stipendi più bassi, meno impiego, costi per la cura dei bambini più alti, scarso accesso al credito e prestiti gravosi”.
  • La maggiore mobilità sociale significa che sempre più genitori stanno crescendo i figli senza una comunità che venga in loro aiuto, il che esercita un’estrema pressione sui genitori.

Non stupisce che l’85% delle mamme non pensi che la società comprenda o sostenga le donne che stanno allevando la prossima generazione. E se non sosteniamo le mamme, come possiamo dire di sostenere e volere i loro bambini, di cui hanno la responsabilità?

  • 1
  • 2
Tags:
bambinimaternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni