Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

“Lavoro (e cure) per tutti”: la sfida del Vaticano per un mondo sostenibile

FARM WORKERS

Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/12/21 - aggiornato il 23/12/21

L'ambizioso progetto è stato annunciato dalla consulente del Papa, suor Alessandra Smerilli

Il Vaticano avvia il progetto “Lavoro per tutti”. Ad annunciarlo è suor Alessandra Smerilli, segretario ad interim del dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale. La religiosa ne ha parlato durante la conferenza stampa di presentazione del messaggio di papa Francesco per la Giornata Mondiale della Pace 2022.

Proprio in un recente videomessaggio all’incontro dei Movimenti Popolari, il Papa aveva puntato l’attenzione sul tema del lavoro. E aveva sollecitato il salario universale e la riduzione dell’orario di lavoro

000_9U39E7.jpg

Soluzioni creative

“Lavoro per tutti” «sarà una grande operazione di ascolto di tutti coloro che nei diversi luoghi stanno cercando soluzioni creative ai problemi del lavoro», spiega Smerilli. Il progetto è stato promosso attraverso la commissione Covid19 e in collaborazione con altri dicasteri.

«Ascolto, discernimento e messa in comune, creare le condizioni perché qualcosa di nuovo accada – spiega la religiosa salesiana –. Perché si costruisca la pace attraverso condizioni di lavoro dignitose per tutti» (Agenzia Nova, 21 dicembre).

suor_alessandra_smerilli.jpg
Suor Alessandra Smerilli.

La domanda di cura

Il lavoro, segnato dall’emergenza pandemica, «è sempre più il centro della questione sociale». E «non può essere più sganciato dalla cura», ha sottolineato la religiosa.

Secondo Smerilli, «in una società globale che, grazie a Dio, vivrà sempre più a lungo, la cura, l’offerta e la domanda di cura, sarà la grande sfida della sostenibilità umana e spirituale della nostra forma di vita». 

Patto sociale, cura e gratuità

«Se la lasceremo tutta al mercato, gli scartati aumenteranno, e saranno scartati dal reddito e dalla cura. Dobbiamo rimettere la cura al centro del patto sociale, sapendo che c’è bisogno di una cura che resti e diventi dono e gratuità». Che sia «espressione del principio di fraternità» (Agensir, 21 dicembre).

Non è solo guadagnarsi per vivere

«Non c’è giustizia senza lavoro per tutti, senza lavori decenti e rispettosi per tutti», ha ribadito la religiosa. «Il lavoro è molto di più di un mezzo per guadagnarsi da vivere. E’ espressione della nostra identità e dignità, della nostra vocazione sociale e relazionale, del nostro custodire e coltivare la terra, con Dio e con gli altri».

Tags:
lavoro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni