Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

In Centrafrica troppi pericoli: molti cristiani non festeggeranno il Natale

HAITI

Ricardo ARDUENGO / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/12/21 - aggiornato il 23/12/21

Dalla Repubblica Centrafricana allo Zimbabwe, dall'Amazzonia alla Giordania: i missionari raccontano cosa accade il 25 dicembre nelle loro comunità

I missionari raccontano come si svolge il Natale nelle loro missioni sparse nel mondo: ci sono buone notizie ed altre meno buone. Per alcuni il Natale è l’occasione di grandi festeggiamenti, e finanche dialoghi ecumenici. Per altri, invece, è una festa che non si può svolgere per motivi di sicurezza, prima ancora che di Covid.

Nello Zimbabwe 

Trentacinque battesimi e ventuno matrimoni accompagneranno il Natale nelle parrocchie di Sant’Ignazio e Santo Stefano, nella città di Harare, capitale dello Zimbabwe. Verranno celebrati nei giorni vicini al 25 dicembre: “Questo è il periodo in cui tutti i componenti delle famiglie si riuniscono, quindi tutte le date importanti si vivono in questi giorni. È una grande gioia” racconta Padre Fernando Muller, gesuita, che da maggio opera nel Paese.

In Amazzonia

Il Natale è festa attesa anche al villaggio del Mocambo, nel comune brasiliano di Parintins, in piena foresta amazzonica. Lì si trova “De Maos Dadas”: cinque casette in un prato, una biblioteca e un salone di accoglienza, tutte al servizio dei bambini. Il centro è stato fondato nel 1998 da due volontarie bergamasche, Marina Alborghetti e Catia Battaglia, per rispondere al desiderio delle famiglie locali di avere un luogo dove accogliere bambini e adolescenti che si trovano in uno stato di grande fragilità economica e famigliare.

AMAZONIA
Il Natale è un giorno felice anche migliaia di abitanti dell’Amazzonia.

Novene in casa e scambio di doni

“Il 25 dicembre è una data molto attesa dalle famiglie: in alcune case ci sono gli addobbi natalizi, per mostrare che si sta aspettando Qualcuno che deve arrivare” racconta Claudineia, che oggi coordina il centro. “Ogni famiglia ha il suo modo di vivere il Natale. C’è lo scambio dei doni e alcune persone si riuniscono per fare alcune Novene di preghiera nelle case di amici e conoscenti. In queste occasioni, le persone più esperte condividono le loro esperienze di vita con gli altri, fanno da guida per i presenti”.

In Giordania

I bambini sono i protagonisti anche delle attività dell’Arsenale dell’Incontro, che si trova a Madaba, una città di 70mila abitanti in Giordania. L’Arsenale è una scuola per bambini e ragazzi con disabilità, anche di diverse religioni. “Nel Paese i cristiani sono il 2% della popolazione. Il giorno di Natale qui è una festa anche per i musulmani: si celebra la nascita del profeta Gesù” racconta la missionaria Irene Panarello, che è in Giordania da 9 anni e abita l’Arsenale dell’Incontro insieme a Chiara Giorgio e Chiara Maria Meulli. 

Musulmani e albero di Natale

Le tre missionarie fanno parte della Fraternità della Speranza del Sermig, che ha la sua sede principale all’Arsenale della Pace di Torino. “A Madaba il Natale è un’occasione di dialogo tra diverse religioni: il 25 dicembre, di solito, tutte le confessioni cristiane si trovano nella sala della chiesa principale di Madaba, per uno scambio di auguri. Partecipano anche le autorità della città, che sono musulmane”. E nella piazza principale della città appare ogni anno un albero di Natale.

Nel Centrafrica

I missionari cappuccini dell’Emilia Romagna, in vista del Natale riportano un quadro tutt’altro che entusiasmante dalla Repubblica Centrafricana

“Nel mistero dell’incarnazione Dio esprime la sua vicinanza condividendo la nostra storia così sofferta. I tempi di Erode non erano dissimili dalla condizione di precarietà ed insicurezza del Centrafrica di oggi. Purtroppo diversi villaggi sono stati abbandonati oppure, in alcune località, i fedeli non potranno riunirsi perché troppo pericoloso”. 

L’aggressività dei ribelli 

Infatti, proseguono i missionari cappuccini, “i gruppi armati ribelli sono tuttora presenti, anche se la situazione generale è migliorata e le forze governative hanno ripreso il controllo dei centri più importanti. Essendo il Natale un rendimento di grazie per la vita che nasce, quale dono di Dio alla famiglia umana, la festa ha grande significato soprattutto in Africa, il continente più giovane” (Centro Missionario.it, 1 dicembre).

Tags:
missionarinatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni