Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 05 Ottobre |
Santa Faustina Kowalska
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

I segreti del Natale in un convento di clausura

CHILE

Juan Sisto | Fundación DeClausura

Matilde Latorre - pubblicato il 22/12/21

La badessa del Real Monasterio de Santa Clara partecipa a una videoconferenza su com'è il Natale in un monastero di clausura


Come si celebra il Natale in un monastero di monache di clausura? Molti sono curiosi di saperlo, ma pochissimi sarebbero in grado di rispondere a questa domanda.

Suor Micaela, badessa del Real Monasterio de Santa Clara di Carrión de los Condes, nella provincia spagnola di Palencia, ha realizzato un gesto senza precedenti per condividere il modo in cui la sua comunità vive la celebrazione della nascita del Figlio di Dio.

82enne dallo spiccato senso dell’umorismo, la superiora ha aperto le porte del suo monastero alla Fundación DeClausuraper una videoconferenza con ottanta partecipanti interessati a conoscere di più e meglio come vivono queste donne che hanno consacrato la loro vita a Dio nella preghiera. L’incontro si può seguire su YouTube.

Momenti unici di preghiera per preparare il Natale

Nell’incontro, moderato dalla giornalista Blanca de Ugarte Blanco, la religiosa ha rivelato che in Avvento la comunità del monastero prepara il Natale con una tradizione molto particolare: quaranta Ave Maria, elevate dal 1° dicembre fino al giorno di Natale.

Ciò vuol dire un totale di mille Ave Maria e lodi alla Vergine per essere stata scelta come Madre di Dio.

A questa devozio e si aggiunge la recita delle Jornaditas, tradizione che inizia il 16 dicembre e si vive quotidianamente fino alla vigilia di Natale. Le monache ricordano le nove tappe della Vergine Maria da Nazaret a Betlemme.

È un atto di preghiera che la comunità vive nel coro. Nei primi giorni, le religiose vestono le statue di Maria e San Giuseppe con abiti poveri, ricordando il viaggio che hanno dovuto intraprendere per via del censimento.

Alla vigilia di Natale, gli sposi della Sacra Famiglia vengono vestiti con indumenti più belli per celebrare il momento dell’Incarnazione di Dio.

CHILE

Cosa si mangia a Natale in un monastero?

Suor Micaela ha risposto anche alla domanda più semplice ma senz’altro più comune: cosa si mette sulla tavola di Natale di un monastero di monache di clausura?

Nel caso delle Clarisse di Carrión de los Condes, ha risposto la superiora, vengono serviti piatti speciali, in base a quello che viene offerto per l’occasione dai benefattori del monastero.

Quest’anno, il Natale sarà ancor più speciale, ha affermato con un sorriso, perché ci sarà un agnello promesso da un benefattore.

“Grazie a Dio c’è molta gente che vuole donarci qualcosa, e a volte regalano l’agnello. Altre volte ci hanno regalato filetto, che è una cosa straordinaria, o per la vigilia del pesce… A volte donano orata o merluzzo, e li facciamo ripieni”, ha spiegato suor Micaela.

“Quella che non può mancare è la zuppa di mandorle”, ha aggiunto la superiora, promettendo di condividere la ricetta di questo piatto tipico della cucina monacale con i followers delle reti sociali della Fundación Declausura.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
clarisseclausuramonasteronatale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni