Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Secondo don Epicoco, una persona depressa può trovare rifugio nella fede

Youtube | sangabrieledol

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/12/21

Ci sono dei momenti della nostra vita, sopratutto quelli segnati da angoscia e depressione, in cui abbiamo può riscoprire l’intimità con il Signore

Gesù è la nostra forza, andargli incontro ci può aiutare ad uscire dalla depressione, dall’angoscia: lo sostiene Don Luigi Epicoco nel suo libro  “Marta, Maria e Lazzaro” (Tau editrice).  

Una persona che ha la depressione, premette Don Epicoco, solitamente non vuole vedere nessuno, non incontrare nessuno, né vuole uscire, svegliarsi, non vuole fare delle scelte. Si chiude come a voler trovare un modo per proteggersi dall’esterno.

Il buco nero che ci divora

Nella nostra interiorità , prosegue il sacerdote teologo, non c’è solo la possibilità della luce di Dio, ma anche nel vuoi come esperienza di angoscia, come esperienza dell’io che ripiegato su sé stesso è un buco nero che ci divora. Occorre stare attenti anche nella nostra capacità di interiorità perchè delle volte può diventare la radice di ciò che ci blocca. 

DEPRESSION

Le persone che rischiano di più

La maggior parte di noi forse ha fatto esperienza di che cosa significhi passare per periodi depressivi. La depressione attecchisce di più sulle persone che hanno una grande interiorità perchè delle volte per uscire dalle sabbie mobili della depressione, bisogna essere più superficiali, farsi scivolare addosso questioni che normalmente per noi diventano così serie da non farci andare avanti. 

La depressione di Maria

Nella storia di Marta, Maria e Lazzaro narrata nel Vangelo, Maria è giù di morale per la malattia del fratello Lazzaro che lo sta portando alla morte. 

Quando incontrano Gesù, mentre Marta è indaffarata nei servizi di casa, Maria è in uno stato di angoscia. 

La speranza

Che cosa è che salva dalla depressione Maria? Marta, evidenzia Don Luigi Epicoco. E’ lei che manda a chiamare alla sorella. “E’ venuto il Signore”. Allora finalmente Maria, che non era andata incontro al Signore, sentendosi chiamata esce da casa. Esce dall’ipnosi della sua paranoia e va incontro al Signore. Anche lei, finalmente, lo prega con sincerità: “Se tu fiossi stato qui”. 

PRAY

L’interiorità ci fa uscire dalla “trappola” dell’angoscia

Maria salva la situazione nel momento di maggiore difficoltà e permette alla sorella di non affogare nell’angoscia della depressione. La grande interiorità di Maria può diventare la radice di ciò che la intrappola davanti ad una difficoltà seria, davanti ad un dolore serio. 

Con Gesù torniamo protagonisti

L’incontro con Cristo significa passare dal subire al protagonismo, da qualcosa che ti fa subire a qualcosa che ti rende protagonista. E’ troppo poco vivere subendo. Dobbiamo imparare a scegliere fino al punto da diventare i veri protagonisti.  

Maria è il probabilmente il fulcro di questa scena evangelica. Una persona contemplativa, interiore, capace di ascolto come Maria, è più portata all’intimità, incapace di gesti esteriori, eclatanti.

Preghiera e intimità 

Per lei il rapporto con Cristo è una questione molto interiore, intima. Ed è proprio vero: ci sono dei momenti della nostra vita, sopratutto quelli segnati da angoscia e depressione, in cui abbiamo proprio bisogno di intimità con il Signore. La nostra preghiera, ad esempio, è una vita di profonda intimità cn Lui. 

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO ““Marta, Maria e Lazzaro” (Tau editrice).

Tags:
depressione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni