Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Il giorno in cui il Magnificat ha salvato vite umane

TORNADO

Twitter-@SismologiaCh

Claudio De Castro - pubblicato il 22/12/21

Un tornado stava per colpire una fabbrica, ma il cantico di Maria ha cambiato la sua direzione

Mi piace molto condividere con voi storie e testimonianze di vita quotidiana. Alcune sono mie, altre di lettori che le condividono generosamente con me e a cui chiedo il permesso di pubblicarle.

In genere le pubblico sui miei blog, nella speranza che quei messaggi tocchino delle vite e aiutino le persone a trovare la via che porta a Dio. Ricordatevi che NON SIAMO SOLI.

Stamattina, mentre prendevo il caffè con mia moglie Vida, mi ha chiamato un amico, un ex compagno di scuola. È uno di quei “pazzi” innamorati di Gesù che ovunque ne ha la possibilità parla con entusiasmo della sua amicizia con il buon Cristo. Un’amicizia che li unisce per sempre. È stato lui che a una radio ha pronunciato questa frase che non dimenticherò mai: “Nel mio cuore c’è un sigillo, e questo sigillo dice: GESÙ”.

Mi ha detto che stava recitando il Magnificat con la moglie ogni giorno, visto che per via della pandemia sta più in casa.

Questo mi ha fatto ricordare di quando il cielo ha ascoltato la mia supplica mentre recitavo il Magnificat. Ero in pericolo mortale, e vorrei condividere quell’episodio con voi.

Il Magnificat ha salvato la mia vita

Lavoravo in una fabbrica alla periferia della città, e quel pomeriggio sono uscito per prendere dei documenti in macchina. All’improvviso ho guardato il cielo, che si era oscurato in modo insolito, e ho visto tegole di zinco e spazzatura di ogni tipo fluttuare sulle nuvole, girando in cerchio.

Sono rimasto pietrificato da quella scena. Era chiaramente visibile il cono di un tornado.

Ho iniziato a sentire qualcosa di simile al ruggito di un leone. Il tornado si muoveva con forza e furia. Era su di noi, pronto a scendere. Ricordo bene la mia sorpresa, perché all’improvviso intorno a me non si muoveva più neanche una foglia. Un silenzio spaventoso ci ha invasi, come se fossimo isolati dal mondo, al centro del tornado. A pochi metri di distanza il vento soffiava forte, ma nel punto in cui mi trovavo io tutto era calmo.

Quando il cono del tornado ha iniziato a colpire la fabbrica, ho preso il telefono e ho chiamato mia moglie. Lei mi ha detto con fermezza: “Claudio, recita il Magnificat con me”.

  • 1
  • 2
Tags:
magnificat
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni