Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Perché scelgo la clausura? lì ho sentito l’amore di Dio, ho trovato il paradiso

shutterstock_481223758.jpg

Robert Brown Stock | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 14/12/21

Amici, lavoro, fidanzati, e poi la prova della malattia. Guarita dal tumore diventa operatrice socio-sanitaria e va a bussare alle suore di clausura: "L’amore umano non riesce ad essere puro come l’amore di Dio. Solo stando in convento ho capito che io cercavo quell’amore lì".

In questi tempi di crisi vocazionali, sacerdotali e religiose, fa doppiamente notizia la scelta di Francesca, una donna napoletana di 37 anni, la cui storia viene riportata dal Corriere del Mezzogiorno dell’11 scorso.  Doppia la sorpresa, perché Francesca non sembrava per nulla un tipo da suora, e meno che mai da clausura.

Infatti viene descritta come un tipetto frizzante, allegra, amante del ballo e della compagnia, patita per i social, legatissima ai suoi genitori. Quindi una vita normale, quella di una ragazza di oggi, in cui c’erano anche i fidanzati, ma come diceva spesso

non mi andava bene mai nessuno e non capivo il perché. 

(Ibidem)

La prova della malattia e la scelta della clausura

E invece la donna il 26 novembre scorso ha oltrepassato a Napoli la grata del Monastero delle Carmelitane Scalze ai Ponti Rossi, per trascorrervi il probandato, un periodo di prova di un anno per testare la solidità della sua scelta.

In questi 12 mesi non potrà vedere nessuno, neanche il suo direttore spirituale, il parroco di San Giovanni Maggiore, don Salvatore Giuliano, che ha conosciuto Francesca 4 anni fa quando gli fu chiesto di pregare per lei a cui avevano riscontrato un timoma.

Il timoma è un tumore molto raro che colpisce il timo, un organo presente nella parte alta del torace e che ha un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario. In una testimonianza resa in parrocchia Francesca raccontò che nel corso della malattia aveva sognato San Massimiliano Maria Kolbe, e dopo sei mesi il tumore era totalmente scomparso.

saint-maximilian-kolbe.jpg

Da questo momento –  essendo già molto impegnata nelle iniziative parrocchiali e con un percorso intrapreso per diventare ministro dell’Eucaristia – ha iniziato il suo cammino più profondo di fede.

Il giorno in cui Francesca andò a bussare alle suore del convento di clausura

Allora lavorava in aeroporto, ma in seguito alla sua esperienza decise di prendere un attestato come operatrice socio-sanitaria per andare a lavorare con i malati in una clinica. Invece un giorno, lei che aveva avuto sempre curiosità per le suore di clausura, andò a bussare alla porta del convento dove oggi è entrata come novizia, per capire come si viveva lì dentro facendo un’esperienza diretta.

Dopo due giorni le suore la chiamarono, e da quel momento si è illuminato tutto. Lì ha capito finalmente perché non le stava bene nessun ragazzo:

Ho scoperto che nessuno mi guardava come io guardavo loro, con occhi totalmente innamorati. Mi accorgevo che era sempre un amore parziale. L’amore umano è così, non riesce ad essere puro come l’amore di Dio. Solo stando in convento ho capito che io cercavo quell’amore lì.

(corrieredelmezzogiorno.corriere.it)

“Qui ho trovato il paradiso”

Francesca, con la personale modalità di approccio un po’ “fracassona”, ha portato nel convento la sua grande vivacità e spontaneità, per cui contrariamente alla prassi abbracciava tutte le consorelle.

Pian piano le suore hanno apprezzato la sua gioiosa profondità di animo che ha fatto bene a tutte loro, grazie alla ventata di freschezza che l’arrivo di Francesca ha rappresentato.   

Lei racconta così cosa ha provato attraversando quella soglia:

Quando sono entrata in quel raccoglimento mi sono sentita pervasa dall’amore di Dio, così felice nonostante mi trovassi in un luogo nuovo, che ad un certo punto ho capito che quella era la mia strada, e ho sentito che non si trattava di curiosità, ma era la mia vocazione. Qui ho trovato il paradiso, mi sono sentita avvolta da una felicità che mai immaginavo che una persona potesse arrivare a vivere, certamente ci saranno tante difficoltà, le stesse suore carmelitane lo hanno detto ma in questi mesi di prova sono sempre stata molto bene.

(Ibidem)

La scelta della clausura: io guardo all’oggi, la Chiesa è madre che accoglie

Una scelta che molti considererebbero assurda e che spaventerebbe molti altri, di fronte alla quale Francesca si pone con realismo ed umiltà concludendo:

Io guardo all’oggi, non è che posso ipotecare tutta l’esistenza ma mi sento tranquilla perché la Chiesa è madre che accoglie, adesso sto facendo il probandato, poi la vestizione sarà fra un anno, una promessa che può essere rinnovata per altri nove, dopodiché i voti diventano perpetui.

(corrieredelmezzogiorno.corriere.it)

Di questi tempi “roba” da matti di Dio!

BANNER; DONAZIONI;
Tags:
clausuratestimonianze di vita e di fedetumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni