Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 23 Maggio |
San Desiderio da Genova
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

L’uomo la cui guarigione miracolosa ha permesso la canonizzazione di Santa Dulce dei Poveri

Milagre da canonização de Santa Dulce dos Pobres

Gabriel Vila Verde | Facebook

Gabriel Vila Verde - pubblicato il 13/12/21

“Maurício si è addormentato subito dopo la preghiera. Quattro ore dopo si è svegliato e si è reso conto che il dolore era sparito. Quale non è stata la sua sorpresa quando ha avvicinato al mano al volto ed è riuscito a vederla!”

Padre Gabriel Vila Verde ha pubblicato sulla sua rete sociale una fotografia accanto a José Maurício Bragança, l’uomo la cui guarigione miracolosa ha permesso la canonizzazione di Santa Dulce dei Poveri. Il sacerdote ha riferito la storia:

“Questo fratello accanto a me è né più né meno che José Maurício Bragança, il miracolato che ha portato suor Dulce alla gloria della canonizzazione.

Maurício è di Bahia, ma è andato ad abitare a Recife. Amante della musica e insegnante di professione, è rimasto completamente cieco dopo aver avuto un glaucoma irreversibile. I medici hanno detto che non avrebbe mai più riacquistato la vista. Pur se cieco, ha continuato a esercitare la sua professione fino a quando ha conosciuto Marise, con cui si è sposato.

Per 14 anni, Maurício ha vissuto nell’oscurità della cecità fisica, ma il suo cuore non è mai stato cieco per le cose di Dio. Ha conosciuto Suor Dulce da adolescente e ha sempre avuto una grande ammirazione per lei. Nel 2014, Maurício ha avuto una forte congiuntivite, che lo ha lasciato senza sonno per quattro giorni. Gemendo dal dolore, ha preso a tastoni un’immagine di Suor Dulce che teneva accanto al letto e l’ha messa sui suoi occhi doloranti, chiedendo solo che la sua amica del Cielo alleviasse il dolore”.

Il miracolo

P. Gabriel prosegue:

“Maurício si è addormentato subito dopo la preghiera. Quattro ore dopo si è svegliato e si è reso conto che il dolore era sparito. Quale non è stata la sua sorpresa quando ha avvicinato la mano al volto ed è riuscito a vederla! Ha subito chiamato la moglie, che stava lavorando, piangendo e dicendo che stava vedendo delle cose.

Marise ha pensato che fosse ubriaco ed è tornata di corsa a casa. Al suo arrivo, Maurício ha visto per la prima volta sua moglie e le ha detto: ‘Quanto sei bella!’”.

La canonizzazione dopo il miracolo

P. Gabriel ha quindi concluso riferendo come la canonizzazione di Santa Dulce sia stata resa possibile dalla verifica del miracolo concesso a Maurício:

“Da allora, il suo racconto è andato a finire nella commissione che studiava la canonizzazione di Suor Dulce, e il Vaticano, dopo molto tempo di silenzio assoluto e studi scientifici, è giunto alla conclusione per cui Maurício è del tutto guarito per intercessione della protettrice dei poveri.

Ho avuto l’opportunità (e la grazia) di conoscere lui e sua moglie a Recife, nella Comunità Porta Fidei, e di parlare con loro per ore. Questa fotografia che ho in mano è la stessa del miracolo, e oggi ho voluto pubblicare questa storia per tre motivi:

1) Mostrare agli atei e agli increduli che Dio esiste!

2) Provare ai non cattolici il potere dell’intercessione dei santi!

3) Confermare le meraviglie della religione cattolica, della quale ho l’onore immeritato di far parte.

Viva il Dio dell’impossibile! Viva Santa Dulce dei Poveri!”

Tags:
canonizzazionesanti e beatisuor dulce
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni