Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 04 Luglio |
San Tommaso
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa in Piazza di Spagna ai piedi dell’Immacolata in preghiera per chi soffre

IMMACOLATA

Shutterstock | muratart

Vatican News - pubblicato il 08/12/21

Il Papa si è recato questa mattina alle 6.15 davanti alla statua mariana nel centro di Roma per un atto di venerazione privato alla Vergine Maria. Alla Madonna, il Pontefice ha chiesto "il miracolo della cura, della guarigione, per i popoli che soffrono duramente per le guerre e la crisi climatica" e "della conversione, perché sciolga il cuore di pietra di chi innalza muri per allontanare da sé il dolore degli altri". Subito dopo, tappa a Santa Maria Maggiore

In una Roma dormiente, con una temperatura di 4° e il cielo ancora tinto di un blu fosco, l’utilitaria con a bordo Papa Francesco è giunta in Piazza Mignanelli. Erano le 6.15 circa e nella piazza in cui sorge il monumento dedicato all’Immacolata Concezione erano presenti solo Vigili del fuoco, qualche negoziante che tirava su le serrande e un piccolo gruppo di fotografi e fedeli, uno dei quali ha squarciato il silenzio urlando: “Papa Francesco, ci vediamo alle 12 in piazza San Pietro!”. A passo lento e capo chino, con in mano un cesto di rose bianche, il Pontefice, appena sceso dall’auto, si è diretto verso la statua della Vergine Maria, per renderle omaggio nel giorno della Solennità dell’Immacolata. Lì il Papa si è fermato per alcuni istanti in preghiera, in piedi, da solo, con le mani giunte, per chiedere alla Vergine “il miracolo della cura, della guarigione, per i popoli che soffrono duramente per le guerre e la crisi climatica”, come informa la Sala Stampa vaticana. Il Papa ha invocato dalla Madonna anche il miracolo “della conversione, perché sciolga il cuore di pietra di chi innalza muri per allontanare da sé il dolore degli altri”. Subito dopo, si è diretto nella Basilica di Santa Maria Maggiore, dove “ha continuato la preghiera davanti all’icona di Maria Salus Populi Romani”.

Una lunga tradizione

Una tradizione lunga 60 anni quella dei Papi di recarsi ai piedi dell’effigie mariana tanto cara al popolo dell’Urbe e soffermarsi per una preghiera corale. Ma la pandemia di Covid e il suo carico di restrizioni hanno stravolto la celebrazione che ha sempre raccolto grandi folle intorno al Vescovo di Roma. E proprio per evitare assembramenti, il Papa lo scorso anno aveva annunciato che avrebbe reso omaggio all’Immacolata con una celebrazione privata, per poi recarsi invece alle prime luci dell’alba nella piazza in mezzo allo stupore collettivo. Anche quest’anno, nel crescendo dei contagi, era stato comunicato lo scorso 27 novembre che il Papa non avrebbe presieduto la tradizionale cerimonia in Piazza di Spagna, ma che avrebbe compiuto “un atto di devozione privato, pregando la Madonna perché protegga i romani, la città in cui vivono e i malati che necessitano della Sua materna protezione ovunque nel mondo”.

Fiori e preghiere 

Francesco, invece, neanche questa volta ha voluto far mancare la sua personale visita alla Madonnina che svetta in alto all’antica colonna romana, che, come tradizione, un vigile del fuoco ogni anno raggiunge con un’autoscala di una decina di metri per deporle sul braccio una corona di fiori. Altri fiori, delle rose bianche, il Papa le ha poggiate ai piedi della statua rimanendo – come detto – in preghiera silenziosa con lo sguardo verso l’alto. Meno di una decina di minuti in tutto, per poi dirigersi a Santa Maria Maggiore con la discrezione con cui è venuto. I pochi presenti nella piazza – alcuni arrivati intorno alle 5.30, memori della ‘sorpresa’ dello scorso anno – da dietro le transenne applaudivano e scattavano foto dagli smartphone. “Papa Francisco, Santo Padre!”, gridava una donna. Francesco è rimasto a distanza ma, prima di salire in auto, ha voluto salutare l’ambasciatrice della Spagna presso la Santa Sede, María del Carmen de la Peña Corcuera, dinanzi al portone di Palazzo Monaldeschi (sede dell’Ambasciata), e altri funzionari ai quali ha spiegato di aver voluto venire anche quest’anno in un orario inusuale per evitare assembramenti ed eventuali contagi.

Una devozione antica

Dall’inizio del pontificato, sulla scia dei predecessori, Jorge Mario Bergoglio ha dimostrato una grande devozione per il monumento mariano realizzato dall’architetto Luigi Poletti e dallo scultore Giuseppe Obici, in onore del dogma dell’Immacolata Concezione proclamato da Pio IX nel 1854 con la costituzione Ineffabilis Deus. Fu proprio Papa Mastai a voler erigere a Roma una statua che ricordasse l’evento alle generazioni future. E sempre lui scelse il luogo che sembrava più adatto, ma anche il più simbolico: la piazza di fronte all’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede, visto che proprio nel Paese iberico fiorì la più profonda devozione per l’Immacolata. Nel “Palazzo di Spagna” fu poi costruito un balconcino per permettere al Papa di presenziare all’inaugurazione.

Per la scultura fu utilizzata una colonna romana: un pezzo di marmo di circa 12 metri d’altezza e un diametro di 1,45, rinvenuto nel 1777 durante i lavori in un edificio delle benedettine di Santa Maria in Campomarzio. I lavori furono finanziati da Ferdinando II re delle Due Sicilie, come gesto di riconciliazione con la Chiesa. La posa della prima pietra avvenne il 6 maggio 1855, con la benedizione del cardinale Giacomo Filippo Franzoni, prefetto di Propaganda Fide, la cui sede sorge proprio di fronte al monumento. Ci vollero duecento pompieri per issare la colonna la sera del 18 dicembre 1856, otto mesi dopo la statua bronzea della Madonna fu posta in cima. Il primo ad omaggiarla fu Pio XII inviando dei fiori bianchi in occasione della solennità dell’Immacolata; poi l’8 dicembre 1953, per l’apertura dell’Anno Mariano, si recò personalmente in Piazza di Spagna.

L’atto di venerazione 

L’atto di venerazione, così come conosciuto dai fedeli, fu però idea di Giovanni XXIII che tutti i Papi successivi seguirono. Il primo fu il diretto successore Paolo VI che pregò ai piedi della Vergine in occasione della chiusura del Concilio Vaticano II (8 dicembre 1965) o nel periodo della crisi petrolifera, raggiungendola in carrozza. Anche Giovanni Paolo II e Benedetto XVI non mancarono mai all’appuntamento, strutturandolo in una precisa scaletta: una preghiera pronunciata di fronte alle autorità cittadine, la deposizione dei fiori, la lettura di un brano della Sacra Scrittura. Tradizione mantenuta anche da Francesco che, a questa tappa, ha aggiunto quella di Santa Maria Maggiore, dove è custodita l’icona mariana della Salus Populi Romani, la Madonna che la tradizione vuole dipinta da San Luca, considerata patrona e protettrice di tutta Roma.

L’originale su Vatican News

Tags:
immacolata concezionepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni