Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

L’umorismo si sviluppa nel neonato già nel primo mese di vita

BABY, SMILE

Watercolor_Art_Photo | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 03/12/21

Un recente studio inglese dimostra l'insorgere precocissimo dell'umorismo nei bambini. (... e Chesterton aggiungerebbe che questa dote è una prova inconfutabile del fatto che siamo figli di Dio).

Rido quindi sono uomo

Quando la scienza si occupa di umorismo, le cose si fanno serie. Quell’ampio universo di esperienze che vanno dalla risata spontanea, all’ironia, alla satira, alla battuta sprezzante, ai paradossi dimostra che l’essere umano è una presenza unica nel Creato. Pirandello sintetizzò la definizione di umorismo affermando che è «il sentimento del contrario». L’uomo non solo osserva la realtà, ma ci riflette. E proprio come un’immagine riflessa in uno specchio d’acqua si ribalta, così la coscienza umana ride – cioè percepisce un contraccolpo – di fronte a ciò che accade e rivela un ritratto capovolto delle nostre certezze.

Di solito i comici più apprezzati sono quelli che svelano il lato ironico delle nostre faccende quotidiane (gli insulti tra automobilisti, le dinamiche tra marito e moglie, la fatica di una giornata lavorativa, le fisse maniacali, certe paure assurde). E’ un modo potente di disinnescare la tentazione di mettere il nostro male sul piedistallo. L’umorismo ci consegna una leggerezza che sa di Cielo. Ci solleva. Chesterton sintetizzò la cosa dicendo,

Gli angeli volano perché si prendono con leggerezza. Questo è sempre stato il tratto della Cristianità. […] La serietà piomba spontaneamente sull’uomo, la risata è un salto. E’ facile essere pesanti, difficile essere leggeri. Satana cadde per forza di gravità.

Da Ortodossia
PADRE E FIGLIO

È nella cornice di questo orizzonte umano che condividiamo con entusiasmo il risultato di una recente indagine scientifica. L’università di Bristol si è occupata di studiare lo sviluppo dell’umorismo nell’essere umano. A quanto pare è una conquista precocissima, addirittura i primi segni si manifestano nel primo mese di vita.

Quando nasce l’umorismo? Prestissimo

[…] i piccoli sviluppano la percezione dello humour molto presto, in alcuni casi già dopo solo un mese di vita. I ricercatori dell’Università di Bristol hanno mappato la capacità di divertirsi e fare scherzi nei bambini fino ai quattro anni, per capire meglio come e quando emerge e si evolve. Allo scopo hanno appositamente elaborato lo Early Humor Survey, un sondaggio articolato in venti domande che è stato sottoposto ai genitori di 671 bambini fino a 47 mesi di età. Si è rivelato uno strumento affidabile per misurare questa dinamica.

Da Quotidiano.net

Il primo sorriso di un figlio è un ricordo forte, come quando si stacca dai supporti e inizia a camminare o quando dice per la prima volta mamma. Ed è vero che capita molto presto, il neonato ride, lasciando a bocca aperta il genitore. C’è qualcosa di innegabilmente attraente nel vedere l’esplosione di una risata. Magari può venire il dubbio che nei bimbi piccolissimi sia solo un riflesso non del tutto consapevole. Perciò la ricerca condotta dagli studiosi di Bristol è interessante, a quanto pare la capacità umoristica nel bambino non è affatto uncaso.

[…] ci sono poche ricerche su come l’umorismo faccia la sua comparsa. Considerata l’universalità e l’importanza dell’umorismo in così tanti aspetti della vita del bambino e dell’adulto, è importante sviluppare strumenti che non solo ricostruiscano come insorga e si sviluppi, ma come l’umorismo possa aiutare le funzioni cognitive e sociali dei bambini, anche in termini di salute mentale.

Da Behavior Research Methods
KID, GIRL, SMILE

Dunque l’umorismo è una chiave di accesso al mondo che coinvolge non solo la comprensione personale, ma anche la dimensione delle relazioni tra il bambino e gli altri. È il segnale che c’è una coscienza all’erta dentro gli eventi e gli incontri.

L’umorismo cresce col bambino

Abbiamo scelto di esaminare l’umorismo dalla nascita e nei bambini osservati è risultato che apprezzino le facce buffe – tipo clown – a partire dai 3 mesi. (Mireault, Poutre, et al., 2012). Alcuni genitori hanno documentato risate anche nel primo mese di vita. (Addyman & Addyman, 2013). […]. Abbiamo scelto i primi 47 mesi di vita come spazio temporale per poter osservare il periodo prescolare, visto che in Inghilterra la scuola dell’obbligo comincia a 4 anni.

Ibid.

I 671 bambini coinvolti in questa ricerca provengono dagli Stati Uniti, dal Regno Unito, dal Canada e dall’Australia. Come primo passo è stato sottoposto ai loro genitori un questionario per identificare la presenza di occasioni umoristiche nel comportamento quotidiano dei loro figli. Questo ha permesso di raccogliere informazioni sul tipo di umorismo riconosciuto e apprezzato.

E i risultati complessivi dell’indagine hanno messo in evidenza come l’umorismo cresca insieme al bambino. (In fondo è naturale che sia così, essendo una capacità intellettiva). Per ora gli studiosi sono riusciti a identificare 21 tipi di umorismo infantile. Se è molto precoce che esso insorga nel primo mese di vita, però è attestato che circa il 50% dei bambini reagiscano a contesti ironici fina dal secondo mese. A 11 mesi, invece, iniziano a produrre umorismo, cioè fanno scherzi e battute elaborati da loro. E merita attenzione anche la frequenza. La ricerca ha mostrato che le situazioni umoristiche sono ripetute dai bambini circa ogni tre ore quando sono impegnati in una qualche relazione con gli altri.

DZIECIĘCE ANEGDOTY KOŚCIELNE

I bambini al di sotto dei 12 mesi rispondono soprattutto all’umorismo fisico, visivo e uditivo, ad esempio al gioco del bubusettete, al solletico, alle facce buffe, voci sciocche o all’uso strano degli oggetti (ad esempio mettersi una tazza sulla testa).

La capacità di scherzare si evolve quando i bambini diventano più grandi. Per esempio alcuni dei partecipanti alla ricerca hanno mostrato all’età di 2 anni di divertirsi con la forma umoristica del nonsenso, frasi come: “il cane ha fatto Muuuu”. A questa età dimostrano già una sorta di malizia, trovando divertente gli insulti e le parolacce rivolti ad altri.

La socializzazione è vitale per uno sviluppo appropriato dell’umorismo, dicono i ricercatori, che può anche incoraggiare la loro immaginazione e altre capacità cognitive.

Da New York Times

L’umorismo striscia sotto la porta

Quanto riportato finora è una sintesi di uno studio scientifico che merita di essere approfondito. Quello che aggiungo ora non ha nulla di scientifico e oggettivo, è solo la rielaborazione personale di un’impressione.

Ho trascorso gli ultimi mesi in compagnia del testo di C. S. Lewis Le lettere di Berlicche, opera famosissima in cui si immagina che un diavolo esperto educhi un diavolo apprendista su come dannare un’anima. Di una cosa Lewis era assolutamente sicuro, che ai diavoli manchi l’ironia:

L’ironia implica un senso delle proporzioni e la capacità di vedere se stessi dall’esterno. Qualunque attributo si possa assegnare alle creature che hanno peccato per orgoglio, questo di sicuro non spetta loro.

C. S. Lewis, Introduzione a Berlicche

Leggendo i dati sulla ricerca svolta sull’umorismo infantile, il mio pensiero è andato immediatamente alla frase appena citata. Che l’impulso umoristico nasca precocemente, nei primi mesi di vita, mi pare un segno di speranza enorme.

Lo vedo come il segno inequivocabile della nostra parentela con Dio. Ci ha creati capaci di ridere, cioè di metterci sulla strada dell’umiltà. Questa, infatti, è la vera forza del sentimento del contrario. L’umorismo ribalta l’orgoglio, che è un pesante scettro diabolico.

Chesterton lo disse meglio:

L’umorismo riesce a entrare strisciando sotto la porta, mentre la serietà è ancora lì che armeggia con la serratura.

6 year old redheaded boy

C’è un modo di stare nel mondo che procede dal basso, ed è tipicamente cristiano: Dio stesso si è abbassato facendosi bambino per farsi nostro compagno. Ha strisciato per entrare e stare accanto a noi. Questo umorismo innestato nell’umiltà svela e disinnesca i nostri peccati serissimi (l’avidità, l’invidia, la superbia) ed è una via quotidiana di conversione, apre i lucchetti dell’anima meglio di un trattato filosofico. Ci manda gambe all’aria, cioè pronti ad aggrapparci a qualcosa di altro rispetto al nostro egoismo.

Ed è meraviglioso che questa dotazione di ironia sia presente fin da subito, da appena nati. E c’è da augurarsi che non ci molli fino all’ultimo istante di vita.

Tags:
neonatiscienzaumorismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni