Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Nigeria: un sacerdote racconta il suo rapimento

NIGERIA;Father Bako Francis Awesuh

© Secretariat of Nigeria (CSN) Directorate of Social Communications

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 02/12/21

Padre Bako Francis Awesuh, 37 anni, racconta il suo sequestro ad opera di pastori Fulani

In Nigeria, i rapimenti sono ormai un tratto caratteristico delle organizzazioni terroristiche, tra cui Boko Haram e lo Stato Islamico-Provincia dell’Africa Occidentale, e i religiosi sono sempre un obiettivo di questi crimini. Per più di un mese nella primavera 2021, padre Bako Francis Awesuh, 37 anni, parroco della chiesa di San Giovanni Paolo II a Gadanaji, nello Stato di Kaduna, è stato tenuto prigioniero dai pastori Fulani, accusati di attacchi mortali agli agricoltori cristiani nella Middle Belt nigeriana. Padre Awesuh ha descritto le sue peripezie in un’intervista rilasciata di recente all’associazione caritativa internazionale Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS).

“È successo tutto il 16 maggio, esattamente alle 23.00. Ho sentito dei colpi di arma da fuoco e ho spento rapidamente la televisione. Spegnendo la luce, ho visto delle ombre e sentito dei passi. Ho aperto con cautela la tenda per vedere cosa stesse succedendo. Ho visto cinque imponenti pastori Fulani armati. Li ho riconosciuti dagli abiti e dal modo in cui parlavano. Sono rimasto lì in piedi confuso, non sapendo cosa fare e sentendomi completamente perduto. Hanno bussato alla porta. Il mio corpo si è irrigidito. Sudavo a profusione”.

“Hanno continuato a bussare, ma spaventato non ho voluto aprire la porta. L’hanno buttata giù e hanno fatto irruzione. Uno degli uomini mi ha gettato a terra, mi ha legato e mi ha frustato senza pietà, dicendo ‘Ka ki ka bude mana kofa da tsori‘ (Vieni torturato perché ci hai fatti rimanere fuori tanto a lungo e ti sei rifiutato di aprire la porta quando abbiamo bussato). Mi hanno spogliato”.

“Sono stato rapito insieme a dieci dei miei parrocchiani. Abbiamo camminato per tre giorni nella foresta senza cibo né acqua, nutrendoci solo di mango. Avevamo fame, eravamo stanchi e deboli, le gambe ci facevano malissimo e i piedi erano feriti perché camminavamo scalzi. Il secondo e il terzo giorno pioveva, ma dovevamo continuare a muoverci”.

Il terzo giorno, prosegue il sacerdote, sono arrivati “in un campo nel folto della foresta”, in cui c’era “una piccola capanna” in cui sono stati trattenuti. “All’arrivo ci hanno servito riso con olio e sale, come ai prigionieri. Quello è stato il nostro cibo mentre eravamo nella foresta. Le donne rapite con me cucinavano. Siamo rimasti un mese e cinque giorni lì”.

“Durante la nostra prigionia non ci era permesso di lavarci. Dovevamo urinare e defecare nella capanna. Avevamo l’odore dei cadaveri, e la capanna di camera mortuaria”.

“Siamo stati torturati e minacciati di morte se non fosse stato pagato un riscatto di 50 milioni di naira (circa 120.000 dollari). Hanno telefonato alle nostre famiglie dicendo di pagare il riscatto se ci volevano rivedere in vita. Le nostre famiglie hanno pregato e negoziato con i nostri rapitori, finché questi non hanno accettato la somma di 7 milioni di naira (17.000 dollari)”.

  • 1
  • 2
Tags:
nigeriarapimentosacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni