Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 16 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Cos’è accaduto quando ho inizato ad ascoltare Dio con voce di promessa e non di condanna

GIRL, OPEN ARMS

U2M Brand | Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 26/11/21

Vedo Dio come un castigatore o come un padre che mantiene le sue promesse?

di Sandra Estrada

Le promesse di Dio sono un tema che a volte ci sembra complicato da capire.

Quest’anno mi sono imbattuta varie volte nella parola “promessa”, e la verità è che quello che mi è accaduto forse sta accadendo anche a voi, e per questo vorrei condividere questa riflessione.

“Dio, mi chiedi qualcosa di impossibile”

shutterstock_1615993645.jpg

Qualche anno fa stavo uscendo da un’esperienza vocazionale in un monastero e sentivo che Dio mi chiedeva di stare nel mondo, con i giovani, allegri, aperti alle sue meraviglie, camminando insieme a Lui.

Mi ha infastidito molto, perché mi sembrava impossibile: “Dio, non ho amici, non conosco giovani” (ora che ci penso, era come si è sentita Maria quando ha risposto a Dio “Come posso essere madre se non conosco uomo?”).

L’idea di condividere con i giovani era per me così irraggiungibile! Sì, bellissimo, ma dal mio punto di vista irrealizzabile. Dio voleva forse prendersi gioco di me?

È passato un po’ di tempo, e ho iniziato ad essere invitata a programmi con giovani di vari Paesi, missioni bellissime.

Ogni volta sembra che si uniscano più amici e incontri che mi fanno pensare: “Dio non mi stava ‘ordinando’ di fare questo, piuttosto me lo stava ‘promettendo’”.

Le Sue promesse sono più grandi delle nostre paure

shutterstock_1589028.jpg

Erano le Sue promesse, non comandamenti! Erano Suoi doni, non miei sforzi. Dio non pone nel nostro cuore un desiderio per tormentarci o per puro divertimento.

Non dovevo dimostrare a Dio che potevo riuscirci. Non dovevo cambiare per meritarlo, sarebbe stato il dono di Dio a cambiarmi.

Poco tempo fa, mentre parlavo con un sacerdote di come prima mi sentissi più fiduciosa, mi ha detto: “Questo che mi racconti mi sembra più una promessa che una lamentela”.

Solo qualche settimana dopo ho avuto il coraggio di chiedergli perché lo diceva, e mi ha risposto: “Sì, a volte questa lamentela per quello che vorremmo avere è lo Spirito di Dio che ci dice che lo avremo, ma dobbiamo chiederlo e confidare”.

  • 1
  • 2
Tags:
diopromessa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni