Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Cos’è accaduto quando ho inizato ad ascoltare Dio con voce di promessa e non di condanna

GIRL, OPEN ARMS

U2M Brand | Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 26/11/21

Vedo Dio come un castigatore o come un padre che mantiene le sue promesse?

di Sandra Estrada

Le promesse di Dio sono un tema che a volte ci sembra complicato da capire.

Quest’anno mi sono imbattuta varie volte nella parola “promessa”, e la verità è che quello che mi è accaduto forse sta accadendo anche a voi, e per questo vorrei condividere questa riflessione.

“Dio, mi chiedi qualcosa di impossibile”

Qualche anno fa stavo uscendo da un’esperienza vocazionale in un monastero e sentivo che Dio mi chiedeva di stare nel mondo, con i giovani, allegri, aperti alle sue meraviglie, camminando insieme a Lui.

Mi ha infastidito molto, perché mi sembrava impossibile: “Dio, non ho amici, non conosco giovani” (ora che ci penso, era come si è sentita Maria quando ha risposto a Dio “Come posso essere madre se non conosco uomo?”).

L’idea di condividere con i giovani era per me così irraggiungibile! Sì, bellissimo, ma dal mio punto di vista irrealizzabile. Dio voleva forse prendersi gioco di me?

È passato un po’ di tempo, e ho iniziato ad essere invitata a programmi con giovani di vari Paesi, missioni bellissime.

Ogni volta sembra che si uniscano più amici e incontri che mi fanno pensare: “Dio non mi stava ‘ordinando’ di fare questo, piuttosto me lo stava ‘promettendo’”.

Le Sue promesse sono più grandi delle nostre paure

Erano le Sue promesse, non comandamenti! Erano Suoi doni, non miei sforzi. Dio non pone nel nostro cuore un desiderio per tormentarci o per puro divertimento.

Non dovevo dimostrare a Dio che potevo riuscirci. Non dovevo cambiare per meritarlo, sarebbe stato il dono di Dio a cambiarmi.

Poco tempo fa, mentre parlavo con un sacerdote di come prima mi sentissi più fiduciosa, mi ha detto: “Questo che mi racconti mi sembra più una promessa che una lamentela”.

Solo qualche settimana dopo ho avuto il coraggio di chiedergli perché lo diceva, e mi ha risposto: “Sì, a volte questa lamentela per quello che vorremmo avere è lo Spirito di Dio che ci dice che lo avremo, ma dobbiamo chiederlo e confidare”.

  • 1
  • 2
Tags:
diopromessa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni