Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Rhoda Wise, convertitasi al cattolicesimo grazie al Rosario

Sandra Ferrer - pubblicato il 25/11/21

Sperimentò le stigmate di Cristo e aiutò a guarire le ferite di chi si avvicinava a lei. È stata mentore di Rita Rizzo, la religiosa stella della rete televisiva EWTN

Quella di Rhoda Wise è la storia di un rifiuto e di redenzione. Per molto tempo ha rifiutato i cattolici e non ha voluto rispondere ai segni che Dio le metteva davanti. Un giorno, poi, quando era gravemente malata, ha recitato il Rosario con una religiosa. Rhoda non solo si è convertita al cattolicesimo, ma ha trascorso il resto della sua vita sperimentando visioni di Gesù e di Santa Teresa di Lisieux, soffrendo le stigmate di Cristo e guarendo malattie.

Rhoda Wise era nata il 22 febbraio 1888 nell’Ohio (Stati Uniti) in una grande famiglia protestante. Fin da piccola ebbe una salute molto fragile. A 16 anni venne ricoverata per un’appendicite, e già allora ricevette un primo segno quando una religiosa dell’ospedale volle darle una medaglia di San Benedetto. Rhoda accettò quell’oggetto per non offendere la suora, ma non ci fece molto caso.

Quando si sposò, il suo matrimonio durò solo sei mesi, perché il marito morì per un’emorragia cerebrale. Aveva 28 anni e decise di risposarsi, ma il secondo marito risultò essere un alcolista che portò la famiglia alla rovina e a trasferirsi addirittura sette volte. La maternità fu ugualmente dolorosa per Rhoda, perché la sua unica figlia morì prematuramente per l’influenza spagnola. L’altra figlia adottata, Anna Mae, fu una consolazione per lei per tutta la vita.

A tutte queste disgrazie si aggiunse una grave complicazione dopo un intervento per la rimozione di un tumore allo stomaco, che le provocò una dolorosa infezione. Poco tempo dopo, una brutta caduta le lasciò malconcia la gamba destra, senza che i medici riuscissero a fare molto per lei.

➡️ (FOTOGALLERY) Le celebrità più devote al rosario e alla Madonna ⬅️

Visioni di Gesù e di Santa Teresa di Lisieux

Durante tutti i soggiorni in ospedale, Rhoda Wise incontrava delle religiose che speravano di poterle offrire un po’ di consolazione, ma lei le ascoltava sempre solo per educazione. Un giorno, però, vedendo il crocifisso che portava una delle suore, sentì il bisogno di recitare il Rosario. Da allora, il suo legame con il cattolicesimo divenne fortissimo. Si convertì all’inizio del 1939.

Rhoda Wise iniziò presto ad avere visioni di Gesù e di Santa Teresa di Lisieux, in cui le veniva detto che non solo avrebbero guarito le sue ferite, ma avrebbero fatto di lei uno strumento per guarire altri e avvicinarli a Dio. Così le aveva detto Gesù, secondo le parole di Rhoda, in una delle sue apparizioni: “Guarigioni più meravigliose della tua avverranno in questo luogo”.

In poco tempo, la terribile cicatrice allo stomaco scomparve, come anche il dolore dell’infezione, che sembrava non attenuarsi. Anche la gamba guarì, e tornò a camminare come se nulla fosse mai accaduto. Scomparsi i mali fisici, Rhoda Wise iniziò a sperimentare la corona di spine di Cristo crocifisso e le piaghe sulle mani e i piedi, che durarono anni. Richiamate alcuni dalla curiosità e altre dalla fede, molte persone si recavano a casa sua, e molte ricevettero la sua benedizione.

La guarigione di Madre Angelica

Tra le persone guarite da Rhoda c’era una ragazza di nome Rita Rizzo. Rita aveva allora 19 anni, e accorse da Rhoda perché curasse un dolore acuto che aveva allo stomaco. Dopo aver recitato una novena a Santa Teresa come le aveva chiesto Rhoda, Rita guarì. Da allora, la ragazza intraprese la strada della fede. In seguito entrò in un convento francescano, dal quale sarebbe diventata celebre come una delle religiose più famose e influenti della televisione degli Stati Uniti, Madre Angelica.

Per anni la casa di Rhoda è stata un centro di pellegrinaggio. Dopo la sua morte, il 7 giugno 1948, una folla accorse al suo funerale. Da allora, la sua casa nella località di Canton resta come l’ha lasciata, e vi si possono vedere oggetti come la nota “sedia di Gesù”, in cui Rhoda vedeva Cristo seduto durante le Sue apparizioni.

È stata dichiara “Serva di Dio”, ed è in corso il suo processo di beatificazione.

Tags:
iter beatificazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni