Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Cosa accade nel cervello di una nonna quando guarda i suoi nipoti

GRANDMOTHER; NEPHEW

BGStock72 | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 25/11/21

Uno studio neuroscientifico dimostra quello che la nostra esperienza sa già: la presenza di un legame empatico così profondo come se nonna e nipoti fossero in simbiosi.

Certo, non c’è bisogno di scomodare la scienza per rendersi conto di certe evidenze. Però è significativo che la scienza confermi che certe evidenze non siano solo un’impressione emotiva, ma affondino la loro ragion d’essere proprio nella struttura dell’essere umano. Si può dire che è una grande scoperta scientifica quella che davvero scopre, cioé toglie il velo di ciò che è già noto e lo illumina grazie all’autentica sete umana di conoscenza.

E così, chi ha avuto la fortuna di crescere avendo accanto dei nonni, sa già che specie di bene sia il loro amore. E tutto quello che sentiamo verso i nostri nonni è verissimo. Talmente vero che è impresso nel cervello.

La cura parentale, un quadro articolato dentro il cervello umano

Sono stati pubblicati i risultati di una ricerca condotta dagli scienziati della Emory University di Atlanta (in Georgia). Sono stati impegnati a studiare il legame tra nonne e nipoti a livello neuroscientifico.

Nota bene. E’ plausibile che, leggendo il titolo di questo contributo, emerga immediatamente una polemica che in sintesi può suonare: “Ma perché solo le nonne? Anche i nonni vogliono bene ai loro nipoti!”. Certo, e ci mancherebbe.

FAMILY, HAPPYNESS

Ma qui occorre fare delle distinzioni pertinenti. L’orizzonte dello studio che stiamo per documentare è quello di sviluppare un’area di indagine che riguarda la cura parentale osservata dal punto di vista delle neuroscienze. C’è una rete di affetti che contribuisce allo sviluppo della singola persona, i principali protagonisti sono mamma, papà, nonne e nonni. Il contributo specifico di ciascuna di queste figure è un elemento significativo, da osservare nella sua unicità.

Le neuroscienze si sono finora occupate prevalentemente della figura materna per lo sviluppo del bambino e stanno cominciando a crescere anche gli studi sul padre. La Emory University ci offre ora un documento che riguarda un’indagine sulle nonne. Verranno anche quelle sui nonni. Il quadro dunque è articolato e mira a restituirci un’istantanea corale del nostro cervello in cui ogni figura familiare ha un ruolo.

Nell’ambito delle neuroscienze sta emergendo la prova che esista nel cervello un sistema globale della cura parentale. – afferma il professor James K. Rilling – In questo caso volevamo osservare come la figura della nonna s’inserisce in questo schema.

Da Neurosciencenews

La nonna vista dalle neuroscienze

Spiegato il senso non fazioso dello studio, andiamo a vedere come si è svolta l’indagine della Emory University e a quali risultati è arrivata.

Abbiamo reclutato 50 nonne con almeno un nipote biologico di età compresa tra i 3 e i 12 anni. Le loro funzioni cerebrali sono state misurate grazie a una risonanza magnetica funzionale mentre guardavano foto dei loro nipoti, foto di bambini sconosciuti, foto dei genitori dei nipoti, foto di adulti sconosciuti. Le nonne hanno anche compilato dei questionari per raccogliere dati sul livello del loro coinvolgimento e attaccamento ai nipoti.

Da Royal Society Publishing

L’analisi dei dati raccolti ha portato a evidenziare delle conclusioni che sicuramente confermano il nostro comune sentire. Il legame emotivo è forte al punto da poter essere definito una specie di simbiosi, la nonna sente quello che sentono i nipoti (non solo lo comprende a livello intellettivo). Ora possiamo dire che non è solo un modo di dire o una metafora.

Analizzando le reazioni agli stimoli offerti, ci si è resi conto che l’osservazione delle foto dei nipoti attivava le aree cerebrali coinvolte nell’empatia emotiva (insula e corteccia secondaria somatosensoriale) e nel movimento (corteccia motoria e area motoria supplementare). Le nonnne che, guardando le foto dei loro nipoti, hanno attivato maggiormente le aree della cognizione empatica (giunzione temporoparietale e corteccia prefrontale dorsomediale) desideravano un maggiore coinvolgimento nella cura dei nipoti.

Infine, confrontando questi dati con gli studi precedenti fatti sui padri, le nonne sono risultate più fortemente coinvolte con l’empatia emotiva (corteccia cingolata dorsale anteriore, insula e corteccia secondaria somatosensoriale) e con la motivazione (nucleo accumbens, pallido ventrale e nucleo caudato). Nel complesso, questi risultati suggeriscono che l’empatia emotiva è l’elemento chiave nel rapporto tra nonne e nipoti.

Ibid.

GRANDMOTHER, NEPHEW

Non si tratta dunque di fare delle classifiche di affetto, ma di rendere ragione del contributo specifico che ogni figura familiare offre, nella sua diversità, al bambino. E sicuramente le nonne sorrideranno leggendo il passo appena citato, perché sanno bene di cosa si sta parlando. Eppure lascia attoniti che i legami e il bene siano una presenza così piantata dentro di noi fino al punto di poterli collocare in punti così precisi e misteriosi del nostro cervello. Ti voglio bene in ogni fibra del mio pallido ventrale – disse la nonna.

Quei grandi ‘manipolatori’ dei nipoti

L’altro dato sorprendente riguarda la differenza tra figli e nipoti: il legame coi nipoti è più forte emotivamente, quello della nonna coi suoi figli adulti si concentra sulla sfera cognitiva.

Lo studio ha dimostrato che quando le nonne guardano le immagini dei loro figli adulti, dimostrano uno stimolo più forte nell’area del cervello associata all’empatia cognitiva. Questo indica che cercano di comprendere a livello cognitivo i pensieri e le emozioni dei figli e i loro perché, ma non dal punto di vista emotivo.

Da SciTechDaily

Anche rispetto a questo, potremmo tirar fuori tante storie quotidiane di nonne che si dimostrano davvero empatiche coi nipoti e si schierano in difesa dei piccoli anche di fronte a certi veti dei genitori. Dai lasciaglielo fare, dai glielo compro io. La simbiosi nonna-nipote è un dato di realtà. Ed è anche sacrosanto che, invece, il rapporto coi figli adulti sia diverso e orientato a una comprensione meno emotiva e più cognitiva. Resta il fatto, che ora abbiamo proprio le prove di quanto certi frugoletti di nostra conoscenza siano degli ottimi manipolatori. Lo scrive nero su bianco il professor James K. Rilling che ha guidato il team di ricerca della Emory University:

I bambini piccoli probabilmente sono maggiormente capaci di “manipolare” non solo il cervello materno, ma anche quello delle nonne”, dice Rilling -. Un figlio adulto non ha più la stessa “capacità”, quindi probabilmente non suscita la stessa risposta emotiva nelle madri.

Da Today

Non solo demenza, il cervello degli anziani è una risorsa sociale

Un altro aspetto implicito connesso a questa ricerca sul cervello delle nonne è stato messo in evidenza da un altro studioso del team, Minwoo Lee:

È piuttosto raro che gli scienziati abbiano la possibilità di studiare il cervello degli anziani se non per problemi legati alla demenza o altri disturbi dell’età.

In questo caso stiamo evidenziando che nel cervello delle nonne ci sono funzioni che possono giocare un ruolo fondamentale per la vita sociale e il suo sviluppo. – aggiunge Lee – È un aspetto importante dell’esperienza umana ancora ampiamente escluso dal campo delle neuroscienze.

Da Neurosciencenews

LOVE

Che scoperta! – commenterà ironicamente qualcuno. Eppure è proprio questo il genere di scoperte alleato di uno sguardo umano libero da certi vizi ideologici. Scoprire la realtà è la grande sfida dell’oggi, a fronte di un tentativo di ingabbiare l’esperienza in griglie astratte e nemiche del bene che è ogni presenza. Gli anziani come risorsa, è una frase che sentiamo dire spesso e potrebbe ridursi a puro slogan.

L’esperienza ci dice già che crescere con una nonna è un grande dono, e non solo perché aiuta i genitori che lavorano. Ora è anche l’occhio della scienza a confermare quanto sia preziosa questa presenza capace di un’empatia unica, diversa da quella di mamma e papà.

… e, cari scienziati, attendiamo di rendere il dovuto onore anche al nonno.

Tags:
cervellononni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni