Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 30 Settembre |
San Girolamo
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Nasce l’Osservatorio sulla libertà religiosa

Egyptians of all faiths were united in expelling the Muslim Brotherhood – en

Mohammed ABED / AFP ©

Aleteia - pubblicato il 24/11/21

Una iniziativa di alcuni docenti europei per monitorare le sentenze della Corte Europea dei diritti dell'uomo a favore della libertà di credo e contro le discriminazioni religiose

Sarà presentato ufficialmente venerdì 26 novembre 2021, presso l’ Aula Bachelet dell’Università di Trieste, alle ore 9, in apertura del convegno “Religious freedom before, during and after Covid-19 between Europe and the Member States“, l’Osservatorio sulla libertà religiosa nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (ORFECT). 

Una rete di studiosi a difesa della libertà religiosa

ORFECT, questo l’acronimo (www.orfect.net), nasce come un network di studiosi europei in materie giuridiche con lo scopo di analizzare i casi relativi alla libertà religiosa presentati di fronte alla Corte di Strasburgo. ORFECT esaminerà criticamente le decisioni della Corte e fornirà raccomandazioni e pareri da utilizzare eventualmente per casi ulteriori.

ORFECT, inoltre, intende promuovere una cultura del rispetto della libertà religiosa, della non discriminazione e delle pari opportunità attraverso campagne di sensibilizzazione e comunicazione; organizzerà e gestirà convegni e seminaristudiricerche e attività di formazione in materia di libertà di pensiero, coscienza e religione, nonché sul divieto di discriminazione fondata sulla religione.

orfect.jpeg

A questo proposito, Javier Martinez-Torron, cattedratico all’Università Complutense di Madrid, ha dichiarato : “ORFECT viene a aggiungersi, con un selezionato gruppo di accademici e peculiari caratteristiche distintive, ad altre iniziative già in atto che che cercano di promuovere in Europa una garanzia effettiva della libertà religiosa; una libertà che a volte si trova ad essere  la ‘cenerentola dei diritti fondamentali’. Occorre  invece ricordare alle istituzioni europee che è importantissimo prendere sul serio la libertà religiosa, perché religione e coscienza sono per molte persone un aspetto essenziale della loro identità“.

“In un momento storico in cui si parla troppo spesso di muri e barriere – replica Paolo Vargiu, professore nell’Università di Leicester – istituzioni come la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ricordano a governi e popoli che l’unione si raggiunge costruendo una cultura comune, prima ancora che l’economia e le leggi. ORFECT si propone come veicolo di questa cultura comune, di cui la libertà religiosa è elemento fondante.”

Un network europeo

Attualmente fanno parte di ORFECT oltre trenta docentie ricercatori, incardinati in oltre 20 università europee. Tra questi anche il Prof. Pietro Faraguna, associato a Trieste e organizzatore del momento di studio all’interno del quale verrà presentato l’Osservatorio.

“Il convegno – sottolinea lo stesso Faraguna – è un punto centrale delle attività del modulo Jean Monnet EULERIT che, grazie al finanziamento europeo ottenuto nell’ambito del programma Erasmus+, si occupa di indagare l’impatto del diritto europeo sui rapporti tra diritto e religione in Italia e in alcuni altri stati membri dell’Unione. La collaborazione con ORFECT nasce dunque naturalmente per l’intreccio di interessi di ricerca che fin da subito ha collegato le iniziative”.

La presentazione ufficiale dell’Osservatorio è affidata al Prof. Vincenzo Pacilloordinario di Diritto Canonico ed Ecclesiastico presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia – UNIMORE, e potrà essere seguita anche in collegamento da remoto da QUI

Tags:
libertà religiosa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni