Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Appena ordinato, questo nuovo beato è stato la prima vittima della ghigliottina dei nazisti

Jan Macha

Public Domain

Larry Peterson - pubblicato il 24/11/21

I nazisti amavano la ghigliottina perché era rapida ed efficiente. Padre Jan Macha ha trovato in Dio la forza e la mitezza per affrontare il suo destino

I nazisti più di tutti nel corso del tempo hanno usato la ghigliottina. La prima persona ghigliottinata dai nazisti è stata un sacerdote cattolico.

Era nato come Jan Fanciszek Macha il 18 gennaio 1914 a Charzow, in Polonia, da Pawel Macha e Anna Cofalka. Aveva due sorelle, Roze e Marie, e un fratello, Piotr. A casa, Jan era chiamato Hanik, ed era il più grande di tutti i fratelli.

Da giovanissimo Jan si sentì chiamato al sacerdozio, e a 20 anni entrò in seminario sapendo che la sua chiamata era la direzione giusta da dare alla sua vita. Voleva diventare pastore di anime.

Il 25 giugno 1939 venne ordinato nella chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo a Katowice, in Polonia.

Padre Jan celebrò la sua prima Messa nella sua parrocchia di Santa Maria Maddalena a Charzow, e accadde una cosa strana.

La sorella di padre Jan, Roze, andò in sagrestia a vederlo. Lui la guardò e disse: “Roze, so che morirò giovane e non di morte naturale”. La sorella gli disse di non parlarne in un giorno così felice, ma Jan continuò: “Roze, voglio dirtelo proprio oggi perché sono convinto che morirò giovane”.

Quando iniziò la Messa e si diffuse l’incenso, la maggior parte dei fedeli vide il fumo formare come una sciarpa rossa intorno al collo del nuovo sacerdote, ma quasi nessuno ci fece caso.

I nazisti invadono la Polonia

I nazisti invasero la Polonia alle 4.45 del 1° settembre 1939. In quel periodo, padre Jan Macha stava cominciando il suo ministero pastorale come assistente parroco nella parrocchia di San Giuseppe di Ruda.

Era totalmente assorbito dai suoi doveri sacerdotali e si concentrava sulle tante anime affidate alle sue cure, del tutto consapevole del pericolo che gravava su tutto il popolo polacco.

Padre Macha si trovava in una parte della Polonia che i nazisti volevano “germanizzare”, e tra i requisiti c’era il fatto che i locali parlassero tedesco – anche nelle case private o in chiesa. Il governo tedesco ordinò che anche le omelie e le canzoni fossero in quella lingua.

Padre Jan amava la lingua e l’eredità polacca, ed era profondamente offeso da questa follia. Per lui era poi difficile mettere in pratica questi mandati. Non aveva la possibilità di pagare per le traduzioni, i nuovi libri di preghiere, i lettori e le guide. Era anche consapevole della povertà della gente di cui gli era stato affidato l’accompagnamento spirituale. Era il momento di fare qualcosa.

Konvalia (Giglio della Valle)

Istituì quindi un’organizzazione chiamata Konvalia (Giglio della Valle). Il suo obiettivo era raccogliere denaro per sostenere le ingentissime spese che lui e il suo gregge dovevano affrontare. La Gestapo lo arrestò immediatamente.

Il 5 settembre 1941, padre Jan venne portato in prigione a Katowice. Venne interrogato e picchiato più volte. I nazisti provarono vari tipi di tortura per farlo crollare, ma non ebbero successo.

I Tedeschi adottarono la ghigliottina per la sua rapidità ed efficienza. Alla fine, ce n’erano 40 che operavano in alcune parti del Reich.

Condanna a morte

Il 17 luglio 1942, padre Jan Franciscek Macha venne condannato a morte. La sua famiglia iniziò a cercare disperatamente di salvarlo. Sua madre andò in Germania e incontrò la sorella di Hitler, chiedendole la “grazia” di risparmiare il suo ragazzo. La donna promise di “parlare al Führer” della questione. La madre di padre Jan attese ogni giorno una risposta, ma non sarebbe mai arrivata.

Le prime ghigliottine erano state installate nella prigione di Katowice. Padre Jan venne portato lì il 3 dicembre 1942. Venne informato che sarebbe morto quella notte. Fu giustiziato alle 23.00, ad appena 28 anni.

Nel suo breviario venne trovata una nota che aveva scritto e recita: “Mi dono completamente a Lui con tutta la mia persona”.

“In odium fidei”

Padre Jan Franciscek Macha è stato dichiarato Servo di Dio nel 2013. Papa Francesco ha confermato nel 2019 che è morto “in odium fidei” (in odio alla fede). È stato beatificato il 20 novembre 2021 a Katowice (Polonia) dal cardinale Marcello Semeraro.

Nell’Angelus del 21 novembre, Papa Francesco ha parlato di lui:

“Ieri a Katowice, in Polonia, è stato beatificato il sacerdote Giovanni Francesco Macha, ucciso in odio alla fede nel 1942, nel contesto della persecuzione del regime nazista contro la Chiesa. Nell’oscurità della prigionia, egli trovò in Dio la forza e la mitezza per affrontare quel calvario. Il suo martirio sia seme fecondo di speranza e di pace. Un applauso al nuovo beato!”

Tags:
nazistisanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni