Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Un bambino salito sul palco durante l’udienza papale ha ricevuto un miracolo?

Antoine Mekary | ALETEIA

Kathleen Hattrup - pubblicato il 22/11/21

La mamma del giovane Paolo dice che i medici erano quasi certi che avesse un tumore cerebrale. Oggi non c'è più segno di cancro

Qualcuno ricorderà forse il bambino che stava vicino a Papa Francesco durante l’udienza generale del 20 ottobre.

Il vescovo Leonardo Sapienza ha ceduto il suo posto alla destra del Papa, tra gli applausi delle centinaia di fedeli riunite nell’Aula Paolo VI, di modo che il bambino potesse sedersi.

Il bimbo era piuttosto interessato allo zucchetto papale e sembrava volerlo analizzare, tirando anche uno dei presuli presenti per la mano per farsi aiutare. È stato visibilmente entusiasta quando gliene è stato dato uno, ed è tornato al proprio posto accanto alla mamma.

Il bambino si chiama Paolo Bonavita e ha 10 anni. In base a un resoconto della CBS, la sua interazione con il Papa potrebbe essere stata più che semplicemente divertente. Sua madre afferma che sia stata addirittura miracolosa.

La CBSriferisce che Paolo era a Roma per delle prove mediche perché i sanitari temevano che avesse un tumore al cervello. Paolo soffre di autismo ed epilessia, e i medici volevano escludere la possibilità di un cancro o della sclerosi multipla.

Quando Paolo è allora salito sui gradini dell’Aula Paolo VI, il Papa ha parlato di lui come di un esempio di libertà, proprio quello che stava insegnando nelle sue riflessioni sulla Lettera ai Galati, e secondo la mamma del bambino, Elsa Morra, è stato un “vero dono”.

“Vedendolo salire i gradini da solo, quando in genere ha bisogno di aiuto, ho pensato: ‘Non può essere!’”, ha riferito a CBS News. E questo soprattutto perché i medici erano “quasi certi che si trattasse di un tumore cerebrale”.

In seguito, Papa Francesco ha salutato personalmente Elsa Morra, dicendole che avrebbe pregato per Paolo.

“Mi ha preso la mano e mi ha detto: ‘Per lei, l’impossibile non esiste’”, ha ricordato a CBS News.

Meno di un mese dopo, i medici le hanno detto che Paolo non ha segni di cancro, e i suoi sintomi sono migliorati.

Elsa ha confessato cosa vorrebbe dire al Papa: “Grazie per il miracolo”.

Tags:
bambinomiracolopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni