Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Il protettore degli alcolisti padre Alfred Pampalon

Laurent Perpigna Iban / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP

Isabelle Cousturie - pubblicato il 16/11/21

Il sacerdote redentorista canadese si è dedicato a chi soffriva per le dipendenze e continua ad aiutare dal cielo. Ecco una preghiera per chiedergli quello di cui abbiamo bisogno

Il 15 novembre, giornata mondiale senza alcool, è un’occasione per chiedere aiuto al “sacerdote protettore” di chi soffre dalle dipendenze, il redentorista Alfred Pampalon.

Milioni di persone soffrono per l’alcolismo e le sue conseguenze, e molte di loro condividono le proprie esperienze nel movimento degli Alcolisti Anonimi.

Parlare dell’alcool per liberarsi è stato per 57 anni il motto del movimento, che riunisce più di due milioni di persone in tutto il mondo.

Alcune di loro seguono anche un cammino spirituale, disposte a “scoprire che c’è un Dio che li ama” e a contare sulla protezione di padre Alfred Pampalon, patrono di tutte le persone che soffrono per le dipendenze.

Il redentorista è stato dichiarato venerabile il 14 maggio 1991 da San Giovanni Paolo II.

Padre Pampalon ha assistito persone che soffrivano di dipendenze che privano l’uomo di parte della sua libertà.

Esposto allo scherno di chi lo circondava e a rimproveri costanti, l’“alcolista” – come lo etichettiamo – vede aumentare la sua colpa e la sua vergogna, entrando allora in un ciclo infernale che tocca il suo “cuore di apostolo”.

Il “buon padre Alfred”

Il “buon padre Alfred”, com’è noto, era nato a Levis, nella provincia canadese di Quebec, il 24 novembre 1867.

Rivelò molto presto purezza d’animo, spirito di preghiera e gentilezza senza secondi fini, come sottolinea la Fraternità Sant’Alfonso, che gli ha dedicato una novena e ultimamente una grande festa tutti gli anni.

A cinque anni, quando sua madre era sul punto di morire, guardò una fotografia di Maria e decise che da quel momento sarebbe stata sua madre.

A 17 anni, una grave malattia lo portò a ricevere gli ultimi sacramenti, ma la sua famiglia lo portò al santuario di Sant’Anna di Beaupré, dove regna “la santa della tenerezza”, Sant’Anna, e venne guarito.

Prese la decisione di vivere come figlio di Sant’Alfonso de’ Liguori, come redentorista, avvicinandosi ai piccoli e alla sofferenza, avvicinandosi a Dio e pacificando i cuori.

Già sacerdote, iniziò a mostrare i sintomi della tubercolosi, ma portò avanti la sua missione: ascoltare Confessioni, guidare le anime, consolare i poveri, battezzare…

Il 30 settembre 1896 esalò l’ultimo respiro. Dalla sua morte si sono moltiplicate le testimonianze di guarigioni fisiche e spirituali delle persone che visitano la sua tomba, nella basilica del santuario di Sant’Anna di Beaupré, in Canada, per invocare la sua intercessione.

Pregare con fiducia

Il buon padre Alfred resta accessibile a tutti; guarda tutte le miserie e protegge chi lo supplica con fiducia perché afflitto dalle sofferenze.

“Caro Padre Alfred, ti rivolgo le mie preghiere, ti grido la mia sofferenza.

Vieni in mio aiuto, concedimi i favori che ti chiedo.

Sei riconosciuto protettore delle persone che soffrono nel corpo, nel cuore e nell’anima.

Ti prendi cura in particolare degli alcolizzati e dei tossicodipendenti, e sei il loro venerato protettore.

Hai liberato tanta gente dalla dipendenza dalla droga e dal bere.

Ti prego, libera anche me da questo male!
E libera le persone che ti raccomando, soprattutto i membri della mia famiglia.

Mi rivolgo a te con fiducia. Ti prego per me e per i miei cari.

Estendi il tuo aiuto a tutta la Chiesa e al mondo intero.

Amen”.

Fraternità Sant’Alfonso

——–
*Traduzione di un articolo pubblicato dalla nostra defunta amica e giornalista Isabelle Cousturié della edizione francese di Aleteia, nel 2017.

Tags:
alcolismosacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni