Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Perché a Times Square, a New York, c’è la statua di un sacerdote cattolico?

father Duffy square

ARTYOORAN | Shutterstock

Zelda Caldwell - pubblicato il 12/11/21

Padre Francis P. Duffy è stato un cappellano militare decorato nella I Guerra Mondiale, e in seguito ha servito la comunità della zona dei teatri di New York

Nella parte settentrionale di Times Square, a New York City, c’è la statua di un sacerdote cattolico.

Alta 2,4 metri, rappresenta padre Francis P. Duffy (1871-1932), il chierico più decorato nella storia dell’Esercito degli Stati Uniti, su un piedistallo con una grande croce celtica alle spalle. Questa sezione triangolare di Times Square è più comunemente nota come Father Duffy Square.

Il sacerdote nato in Canada servì come cappellano militare durante la Guerra ispano-americana, e in seguito come parroco della parrocchia del Nostro Salvatore nel Bronx. Nel 1914 fu chiamato ad essere cappellano del 69° Reggimento di Fanteria della Guardia Nazionale di New York.

Il Fighting 69th, composto per la maggior parte da Statunitensi di origine irlandese, venne chiamato in servizio nel 1917 durante la I Guerra Mondiale. Inviato al fronte in Francia, nei 180 giorni di combattimenti vide morire 900 dei suoi uomini. La sua storia venne immortalata nel film del 1940 movie The Fighting 69th, con James Cagney e Pat O’Brien nei panni del cappellano.

P. Duffy è ricordato per il suo coraggio sul campo di battaglia, dove amministrava gli ultimi riti, assisteva i feriti e si prendeva cura dei defunti. Andando ben oltre i suoi doveri di cappellano, è stato un leader per i suoi uomini, risollevandone il morale mentre si preparavano a scendere in battaglia e confortando i feriti. Il generale Douglas MacArthur disse in seguito che p. Duffy era stato preso in considerazione per l’incarico di comandante di reggimento.

DONOVAN AND DUFFY
Il tenente colonnello William J. Donavan, comandante del 69° Reggimento, e p.Francis P.Duffy

Nel suo libro Father Duffy’s Story, p. Duffy raccontò in seguito la storia del Fighting 69th, descrivendo come celebrò la Messa di Pasqua fuori da una chiesa di un villaggio francese.

“Ho una congregazione di circa 3.000 anime. Sono divise in cinque o sei villaggi francesi quando si è a riposo, e diffuse in modo ancora più eterogeneo tra trincee e paesi abbandonati quando si è in prima linea”, affermò secondo il sito web degli archivi dell’arcidiocesi di New York.  

Prima di una battaglia, p. Duffy camminava nelle trincee dando l’assoluzione ai soldati. Alla fine della battaglia, descriveva il “compito che spezza il cuore” di seppellire i morti.

“Conoscevo questi uomini così bene e li amavo come se fossero miei fratelli minori. È stato il giorno più triste della mia vita. È l’ultimo atto d’amore che posso fare per le persone a casa”, scrisse.

Per il suo servizio, gli vennero conferite la Distinguished Service Cross, the Distinguished Service Medal, la Conspicuous Service Cross (New York) e due riconoscimenti francesi: la Legion d’Onore e la Croce di Guerra.

Dopo il conflitto, p. Duffy è stato parroco della chiesa della Santa Croce, a un isolato da Times Square, dove oggi si erge la sua statua. Per adattarsi agli orari della comunità della zona dei teatri, istituì una Messa alle 2.15 del mattino la domenica e i giorni di precetto.

P. Duffy è morto il 26 giugno 1932. Nella cattedrale di St. Patrick venne celebrata una Messa militare solenne a cui parteciparono migliaia di persone. Una processione di soldati, veterani, poliziotti e pompieri formò un corteo funebre dalla chiesa della Santa Croce alla cattedrale.

Tags:
cappellani militari
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni