Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Nono suicidio sacerdotale in Brasile nel 2021: il testo toccante di un presbitero diventa virale nelle reti cattoliche

KOLORATKA

Shutterstock

Francisco Vêneto - pubblicato il 11/11/21 - aggiornato il 11/11/21

“Fino a quando?”, chiede il sacerdote. “Perché restiamo inerti?”

La preoccupante realtà del suicidio tra i sacerdoti ha richiamato l’attenzione questa settimana in Brasile, e vari sacerdoti e religiosi si sono espressi al riguardo sulle reti sociali.

Uno dei commenti più forti sulla gravità di questo panorama e sulla mancanza di accompagnamento e sostegno ai sacerdoti nei loro momenti di maggiore fragilità emotiva sta circolando sulle reti sociali, attribuito a padre Simeão do Espírito Santo. Il testo è stato condiviso da decine di sacerdoti, religiosi e laici cattolici.

Riflettendo l’opinione personale dell’autore, il commento è fortemente critico nei confronti di determinati aspetti delle strutture istituzionali della Chiesa, e le mette in discussione perché a suo avviso non offrono vicinanza, fraternità e solidarietà sufficienti ai sacerdoti in Brasile, soprattutto di fronte al dramma del suicidio sacerdotale.

Papa Francesco ha ribadito spesso che la Chiesa non è solo l’insieme delle sue strutture, ma il Corpo di Cristo, del quale siamo tutti misticamente membra vive. Il Pontefice mette anche in guardia contro il rischio che anche all’interno della Chiesa si incorra nella “cultura dello scarto”. Tenendo a mente questo riferimento, è importante tener conto dello sfogo attribuito a p. Simeão do Espírito Santo per promuovere un dibattito obiettivo e trasparente sul suo contenuto.

Il testo

Ecco il commento che viene condiviso sulle reti sociali cattoliche circa il suicidio sacerdotale e i contesti collegati:

Non so cos’altro scrivere, non so come esprimere il dolore che provo quando ricevo la notizia del suicidio di un altro sacerdote. Pregare e scrivere mi aiutano, ma non è ancora sufficiente…

Siamo agli inizi di novembre, e il suicidio di padre José Alves è il nono quest’anno [solo in Brasile]…

Ogni sacerdote che si è tolto la vita quest’anno aveva un volto una storia, una sofferenza, un dolore, una vocazione, un sogno. Cosa mancava loro? Cosa non è stato fatto per questi fratelli? Dove abbiamo sbagliato? Fin dove arriva la responsabilità personale? C’è una responsabilità ecclesiale? Perché i sacedoti continuano a uccidersi? Quanti altri dovranno morire perché la Chiesa cattolica in Brasile si svegli? Perché restiamo inerti, indifferenti e omissivi? I suicidi sacerdotali in serie in Brasile rivelano in parte la malattia, l’inefficienza e l’ipocrisia della struttura clericale”.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
sacerdotisuicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni