Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come dire a un figlio che è stato adottato?

Mar Dorrio - pubblicato il 09/11/21

Il caso della mia amica Teresa, adottata, ha fatto sì che tutti volessimo sapere cosa le aveva detto sua madre

Questa settimana, ad Aleteia mi hanno proposto questo tema: come, quando e dove dire a un bambino che è stato adottato? In quel momento sono riuscita solo a pensare a una persona: una mia amica, che chiameremo Teresa. Ho pensato a lei e ho ricordato una frase che ha detto sull’adozione: “Mia madre me l’ha spiegato in un modo così bello che i figli biologici mi sembravano dei perdenti”.

Dopo una dichiarazione simile, siamo tutti rimasti con la voglia di saperne di più, di sapere come aveva fatto la madre a darle quella notizia. Teresa aveva sette anni, e senza alcuno scenario preparato, con estrema naturalezza, una sera, mentre si stava mettendo a letto dopo aver pregato, ha chiesto a sua madre se era uscita dalla sua pancia. La madre le ha risposto tranquillamente di no. Non era stata nella sua pancia. Non era una figlia biologica, ma adottiva. Questo voleva dire che era nella mente di Dio da sempre, pensata per essere sua figlia. E l’attesa dell’adozione, piuttosto più lunga di quella di una gravidanza, aveva reso tutto più speciale, più desiderato e più amato. Teresa ricorda quanto si sia addormentata felice quella sera.

Oggi quella bambina è diventata una donna splendida, che non ha mai avuto il desiderio di cercare o di conoscere la famiglia biologica. La sua gestazione e la sua nascita non eclissano né distorcono il senso di appartenenza alla sua famiglia. Una famiglia che ha sostituito le differenze nel DNA con le migliori azioni d’amore con la lettera maiuscola.

Non tutti i casi sono così idilliaci

So che non tutti i casi sono così idilliaci, che sono tanti quelli che nella ribellione dell’adolescenza fantasticano sulla famiglia biologica, vittime di situazioni estreme e involontarie. Che possono provare rifiuto per la famiglia che esige qualcosa da loro. In quei casi, bisogna ricordare che tutti, figli biologici o adottivi, possono attraversare crisi di identità nell’adolescenza e avere problemi indipendentemente dalla propria origine.

Come aspetto positivo, bisogna anche dire che sarà in quel periodo, dopo essere riusciti a cristallizzare tutto l’affetto ricevuto nell’infanzia, che si riaffermerà il senso di appartenenza alla famiglia adottiva, riconoscendola come la propria vera famiglia.

  • 1
  • 2
Tags:
adozione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni