Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La tendenza cattolica controculturale da prendere a cuore in questo mese di novembre

SKULL

Dimaris | Shutterstock

Theresa Civantos Barber - pubblicato il 05/11/21

Novembre è il momento perfetto per praticare l'antica devozione del memento mori

Chiunque abbia perso una persona cara può dire che la nostra cultura moderna ha un rapporto molto strano con la morte. Molte persone affrontano a disagio il tema della morte, cosa singolare trattandosi di una cosa che chiunque ha la certezza che vivrà, prima o poi. L’ironia è che staremmo tutti meglio se pensassimo alla morte un po’ di più.

Questa, almeno, è la premessa del memento mori, una tradizione cristiana che riconosce il grande vlaore spirituale del ricordare la propria morte per vivere bene. “Memento mori” significa letteralmente “Ricordati che morirai”. Praticare questa tradizione significa prendersi un po’ di tempo ogni giorno per meditare su questa realtà.

Sembra probabilmente strano definire questo antico costume un “trend”, ma ultimamente sta sperimentando davvero un revival, in parte grazie a suor Theresa Aletheia Noble, FSP, religiosa delle Figlie di San Paolo, le “suore dei media”. Il suo lavoro per promuovere la pratica del memento mori è apparso ad esempio sulThe New York Times, su ForbeseWPR

Meditare sul fatto che moriremo ci aiuta ad apprezzare la nostra vita in modo più profondo. I cattolici sono chiamati a condurre un’esistenza controculturale in molti modi, uno dei quali è resistere alla “cultura che evita la morte” che ci circonda. Come scrive suor Theresa Aletheia Noble,

“Ricordare la propria morte è un aspetto assolutamente essenziale della vita cristiana, non solo perché ci aiuta a vivere bene, ma anche perché ci fa ricordare ciò che Cristo ha fatto per noi. Gesù ha sconfitto la morte! Riflettere sulla morte non è una cosa macabra, ma una pratica sana e spesso guaritrice che ci aiuta ad accettare l’inevitabile con speranza”.

La Chiesa, nella sua saggezza, ha riservato il mese di novembre a ricordare i defunti. In questo mese, è tradizione visitare i cimiteri e pregare per le anime sante in Purgatorio. Oltre a pregare per i defunti, un altro modo per entrare nello spirito liturgico di novembre è ricordare la nostra morte, cosa che rende questo mese un momento assai adatto per abbracciare la pratica del memento mori.

Non dev’essere una questione elaborata. In un’intervista, la suora ha affermato:

“Credo davvero che a volte la gente pensi a questa pratica come a qualcosa di molto complesso, ma in realtà non lo è. È solo il ricordare consapevolmente la realtà della propria morte ogni giorno, per pochi istanti o per un momento di preghiera”.

  • 1
  • 2
Tags:
memento mori
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni