Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

La Chiesa approva i tatuaggi? Una croce sul corpo è appartenenza di fede

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/11/21 - aggiornato il 04/11/21

Se teologicamente il battesimo ha un character indelebilis, perché non considerare una croce o una preghiera tatuata, il volto di Gesù o il cuore della Madonna Addolorata trafitto da sette spade come sigillo “per sempre” di appartenenza alla fede cristiana?

La Chiesa tedesca promuove una campagna a favore dei tatuaggi, e il quotidiano del Vaticano, L’Osservatore Romano, la presenta con una interessante articolo. 

Nulla di proibito

Nulla di proibito, di sacrilego, anzi una secolare tradizione cristiana, un segno di devozione, che «ci plasma per tutta la vita», dice Markus Breuer, presidente della Katholischen Erwachsenenbildung (Keb) di Francoforte sul Meno, organismo educativo (collegato alla Chiesa).

Breuer chiarisce che tatuare la propria pelle non è incompatibile con la religione cristiana. Ed effettuare un tatuaggio davanti all’altare non può essere considerato un atto di profanazione, scrive L’Osservatore Romano

“Tatuare davanti all’altare”

Qualche settimana fa, nella navata gotica della Liebfrauenkirche di Francoforte sul Meno, si è potuto assistere a una scena insolita. Silas Becks, 39 anni, artista-tatuatore di Stoccarda, circondato da cameraman televisivi e fotografi, ha dato il via, con il sostegno della diocesi di Limburg (nel cui territorio si trova Francoforte), alla campagna Tätowieren vor dem Altar, “Tatuare davanti all’altare”, organizzata dalla Keb. 

La benedizione del frate cappuccino

A benedire gli utensili, evidenzia il quotidiano della Santa Sede, è intervenuto il frate cappuccino Paulus Terwitte, 62 anni, a capo del monastero di Liebfrauen. Un personaggio noto in Germania in virtù del suo impegno nelle questioni sociali. E’ autore di libri e presentatore televisivo, ma soprattutto “anima” della Fondazione Franziskustreff che si occupa di assistere poveri e senzatetto.

«Nell’antichità decorare o marchiare il corpo per testimoniare la propria fede era una caratteristica dei cristiani». E tale tradizione può essere considerata in definitiva un “segno di devozione”, ha affermato il religioso, precisando che «ovviamente dipende anche dal tatuaggio». Un teschio insomma susciterebbe delle domande, ma non certo una croce o la scritta “Fede” o “Cielo”, fra gli otto piccoli motivi calligrafici di carattere religioso che, chi si è sottoposto al tatuaggio di Becks, ha potuto scegliere.

JUAN GABRIEL ARIAS

Come il battesimo

Con questa campagna a favore dei tatuaggi, che è solo all’inizio, l’Educazione cattolica degli adulti tedeschi vuole dimostrare che la Chiesa è vicina al suo popolo, in particolare ai giovani. E se teologicamente il battesimo ha un character indelebilis, perché non considerare una croce o una preghiera tatuata, il volto di Gesù o il cuore della Madonna Addolorata trafitto da sette spade come sigillo “per sempre” di appartenenza alla fede cristiana? 

Il messaggio di Papa Francesco

«Non spaventarti dei tatuaggi», ha risposto Papa Francesco il 19 marzo 2018 a un giovane del Pontificio collegio internazionale Maria Mater Ecclesia.: «Gli eritrei, da anni, si facevano la croce qui (sulla fronte), anche oggi li vediamo. Si tatuavano la croce. […] Il tatuaggio indica appartenenza».

Nei luoghi di pellegrinaggio

Anche nei luoghi di pellegrinaggio i tatuaggi sono diffusi. Si possono trovare molti resoconti da Gerusalemme, Loreto, Santiago de Compostela o nei Balcani, dove si legge che «i francescani in particolare tatuavano i pellegrini» e collegamenti fra tatuaggio e battesimo. 

Tags:
tatuaggi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni