Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il segreto della santità di San Martín de Porres

Martin de Porres

Mark Green | Shutterstock

Philip Kosloski - pubblicato il 03/11/21

Durante la cerimonia di canonizzazione, San Giovanni XXIII ha condiviso il semplice segreto della santità di San Martín

Spesso, quando leggiamo la vita dei santi, lo facciamo per cercare di scoprire il segreto della loro santità. Se riuscissimo a trovare quello che li ha resi santi, forse potremmo imitarli e diventare santi anche noi.

San Giovanni XXIII ha offerto un breve riassunto del segreto della santità di San Martín de Porres in occasione della sua cerimonia di canonizzazione (6 maggio 1962):

“San Martino con l’esempio della sua vita ci dimostra che possiamo raggiungere la salvezza e la santità come Cristo Gesù ci ha mostrato: in primo luogo amando Dio con tutto il nostro cuore, tutta la nostra anima e tutta la nostra mente, e in secondo luogo amando il nostro prossimo come noi stessi”.

Nessuna rivelazione sorprendente, nessun segreto nascosto, ma una semplice realtà: San Martín ha amato innanzitutto Dio, e poi, infiammato da questo amore, ha cercato di amare gli altri.

“Quando Martín ha realizzato che Cristo Gesù aveva sofferto per noi e aveva portato i nostri peccati sul Suo corpo sulla croce, meditava con notevole ardore e affetto su Cristo in croce. Ogni volta che contemplava la terribile tortura di Cristo si scioglieva in lacrime. Nutriva un amore eccezionale per il grande sacramento dell’Eucaristia, e trascorreva spesso lunghe ore in preghiera davanti al Santissimo Sacramento. Desiderava ricevere il sacramento nella Comunione il più spesso possibile”.

La sua fede era alimentata dall’Eucaristia, ed è stata quella fede a portarlo ad amare chiunque incontrasse.

“San Martino praticava con molto impegno e diligenza il comandamento dell’amore, dato dal divino Maestro. Perciò trattava i fratelli con quella viva carità che gli nasceva da una fede incrollabile e da una profonda umiltà. Amava gli uomini, perché li stimava sinceramente come figli di Dio e fratelli suoi; anzi li amava più di se stesso, poiché, con l’umiltà che aveva, riteneva tutti più onesti e migliori di sé. Scusava i difetti degli altri, e perdonava le offese più aspre, essendo persuaso che, per i peccati commessi, era degno di pene molto più gravi”.

Il santo vedeva ogni persona come la vede Dio, il che gli ha permesso di avere un cuore amorevole e caritatevole.

La sua generosità non conosceva confini, e aiutava chiunque avesse bisogno.

Se vogliamo essere come San Martín de Porres, dobbiamo promuovere una profonda devozione per l’Eucaristia, e poi, nutriti da quel cibo celestiale, andare nel mondo e amare il nostro prossimo.

Tags:
santi e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni