Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Conoscete il culto salentino della Madonna dell’Agricoltura?

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/11/21

Protettrice del Creato, la devozione alla Vergine della Coltura è nata dopo il ritrovamento di un Monolito

Negli ultimi tempi, Papa Francesco ha puntato spesso su un tema particolarmente importante: la custodia del creato. In Italia, a Parabita, un piccolo borgo del Salento, da secoli la Madonna è invocata con il titolo dell’Agricoltura a difesa del creato e degli agricoltori.

Il monaco in fuga

La tradizione vuole che l’icona della Vergine della Coltura sia stata dipinta da un monaco bizantino fuggito dall’Oriente e rifugiatosi nel meridione d’Italia. La presenza di una serie di monasteri bizantini in Terra d’Otranto confermano che quest’ipotesi sia veritiera. 

La tradizione orale ci tramanda che il pio monaco avesse interrato la sacra Immagine per evitare persecuzioni iconoclaste e che, qualche tempo più tardi, un pio agricoltore intento ad arare la terra trovasse l’icona di Maria. Infatti, i buoi che trainavano l’aratro si sarebbero inspiegabilmente arrestati, mentre l’aratro si era impigliato. L’agricoltore intuisce qualcosa di strano e inizia a scavare. La sorpresa fu grande quando trovò il Monolito in pietra raffigurante la Madre di Dio. 

Il santuario della Madonna della Coltura.

Il prodigio della Madonna

Dopo esser corso in paese a darne l’annuncio, il Monolito venne portato nella chiesa matrice del borgo. Ma il prodigio si verificò il giorno seguente. L’icona della Madonna dell’Agricoltura non si trovò più nella chiesa parrocchiale, ma venne rinvenuta fuori dalle mura, proprio in mezzo ai campi.

Il popolo interpretò questo segno quale la volontà di Maria di voler stare in mezzo ai campi, scegliendo di proteggere l’agricoltura e quanti lavoravano i campi. 

Protettrice degli agricoltori

Sul luogo del prodigio venne edificata la chiesa che, col tempo, venne abbattuta e costruita una nuova, elevata da San Giovanni Paolo II alla dignità di Basilica minore. Lo stesso Pontefice che, nel 1982, aveva proclamato la Madonna della Coltura protettrice degli agricoltori delle province salentine di Lecce, Brindisi e Taranto.

Il Monolito è a forma cubica ed è affrescato in tutti i lati. Nella parte anteriore è affrescata l’icona di Maria, mentre ai lati e nella parte posteriore vi sono delle sigle greche che richiamano la divina maternità di Maria e lodano il Figlio Gesù quale luce del mondo.

Il batterio killer

Il popolo salentino e gli agricoltori pugliesi ricorrono a Maria, Regina della Coltura, per impetrare da lei aiuto e protezione nel loro difficile lavoro. In un mondo che, negli ultimi anni, ha ferito in modo indelebile la creazione, la terra della Madonna della Coltura è stata vittima del batterio killer della xylella, che ha ucciso tutti gli ulivi salentini. La natura si è ribellata tra siccità e grandine e, infine, dileggiata dal sempre più crescente fenomeno dell’inquinamento ambientale.

Il popolo devoto alla Madonna dell’Agricoltura, la invoca con queste parole: “Se l’acqua il contadino desidera, prontamente risponde Maria. E col favore della pioggia la terra dà frutti ubertosi”.

Tags:
madonna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni