Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Come mi devo comportare la prossima volta che ho febbre e tosse?

Josep Suria | Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 02/11/21

In caso di sintomi sospetti è importante contattare sempre il medico curante e valutare se necessario eseguire un tampone. Ricordiamoci inoltre di restare a casa e di non frequentare altre persone se abbiamo sintomi anche lievi per non trasmettere l’infezione.

Di Caterina Marabotto e Andrea Campana

Finita l’estate e le tanto attese vacanze, in cui finalmente abbiamo potuto riassaporare un po’ di libertà e di vita sociale, ci apprestiamo ad affrontare settembre, con la ripresa della scuola e il ritorno dei primi raffreddori. Cosa dobbiamo aspettarci da questo inverno? Potremo finalmente smettere di pensare al Covid?

Purtroppo i dati di questa estate ci dimostrano che ancora non possiamo abbassare la guardia.

Covid: come sarà l’inverno?

Il virus sta continuando a circolare e dovremo pertanto rassegnarci a convivere con questa malattia ancora per un po’. Sicuramente i vaccini si stanno dimostrando un grande alleato, contribuendo a ridurre il numero dei ricoveri e di forme gravi di malattia, ma al momento i bambini da 0 a 12 anni non possono essere vaccinati e quindi rappresentano una popolazione a rischio, in cui il virus potrà circolare con maggior facilità.

Sentire il proprio medico in caso di sintomi sospetti

Le armi che abbiamo a disposizione per cercare di contenere questa infezione saranno diagnosi precoce e misure di prevenzione. Quindi, in caso di sintomi sospetti (febbre, raffreddore, tosse, diarrea e vomito) è importante contattare sempre il medico curante e valutare se necessario eseguire un tampone.

Ricordiamoci inoltre di restare a casa e di non frequentare altre persone se abbiamo sintomi anche lievi (raffreddore e malessere) per non trasmettere l’infezione. Questo vale ancora di più per i bambini piccoli che come sappiamo manifestano sintomi lievi di una eventuale infezione da COVID-19 completamente sovrapponibili a quelli di altre banali infezioni virali.

Il nostro contributo per limitare la diffusione del virus

Cerchiamo, finché il bel tempo ce lo permette, di privilegiare la vita e gli incontri all’aperto o, se al chiuso, in ambienti spaziosi e ben areati. Ricordiamoci la mascherina sempre nei luoghi chiusi e il lavaggio delle mani. Se riusciremo a seguire questi piccoli accorgimenti anche noi avremo dato il nostro contributo per limitare la diffusione del virus e proteggere le persone più fragili.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
covidsalute
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni