Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 21 Gennaio |
Sant'Agnese
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La più grande sofferenza del Purgatorio, secondo Santa Caterina da Genova

Catherine of Genoa

Public Domain

Russell Shaw - pubblicato il 29/10/21

Oggi come allora, ci sono due ragioni principali per farlo.

Una ha a che vedere con il numero apparentemente elevato di persone che, dice Newman, sono negligenti, impenitenti o scioccamente certe di una conversione sul letto di morte per cavarsela alla fine. La Chiesa fa a queste persone un enorme favore ricordando loro di tanto in tanto le Cose Ultime tradizionali – che includono Paradiso, Purgatorio e Inferno.

L’altro grande motivo per ricordare chi è in Purgatorio, quelle che chiamiamo “Anime Sante”, ha a che vedere con il nostro serio dovere di dar loro una mano con la preghiera e la penitenza, come speriamo che gli altri facciano per noi quando arriverà il momento.

Santa Caterina da Genova (1447-1510), santa famosa per i suoi sacrifici a favore dei malati e dei poveri e per le sue esperienze mistiche, l’ha posta così nel suo Trattato sul Purgatorio:

“L’Onnipotente è così puro… che se una persona è consapevole della benché minima traccia di imperfezione e allo stesso tempo comprende che il Purgatorio è ordinato per eliminare queste imperfezioni, l’anima entra in questo luogo di purificazione felice di accettare una misericordia così grande di Dio. La sofferenza peggiore di queste anime sofferenti è aver peccato contro la divina Bontà e non essere state perfette in questa vita”.

  • 1
  • 2
Tags:
purgatoriosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni