Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La più grande sofferenza del Purgatorio, secondo Santa Caterina da Genova

Catherine of Genoa

Public Domain

Russell Shaw - pubblicato il 29/10/21

Possiamo comprendere il Purgatorio solo alla luce dell'illimitata misericordia di Dio

Il secondo dei tre libri della Divina Commedia di Dante, dopo l’Inferno e prima del Paradiso, è il Purgatorio. Nel suo nono canto, Dante mette queste parole sulla bocca del guardiano angelico della porta del Purgatorio, che mostrando le sue chiavi dice agli ascoltatori:

Da Pier le tegno; e dissemi ch’i’ erri 
anzi ad aprir ch’a tenerla serrata, 
pur che la gente a’ piedi mi s’atter
ri.

Nel testo, come nell’insegnamento della Chiesa, il Purgatorio può essere compreso propriamente solo come espressione dell’infinita misericordia di Dio. Per questo, non è un luogo di punizione, ma un posto in cui, come conseguenza della generosità divina, i peccatori penitenti vengono preparati a entrare in Paradiso.

Se il calendario ecclesiale non contiene una festa del Purgatorio in quanto tale, abbiamo il suo equivalente il 2 novembre, quando la Chiesa ci incoraggia a pregare in modo particolare per i nostri cari defunti, che crediamo e speriamo siano ora in Purgatorio. Quest’anno potremmo recitare una preghiera anche per Dante nel 700° anniversario della sua morte.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica offre questa definizione della dottrina del Purgatorio:

“Coloro che muoiono nella grazia e nell’amicizia di Dio, ma sono imperfettamente purificati, sebbene siano certi della loro salvezza eterna, vengono però sottoposti, dopo la loro morte, ad una purificazione, al fine di ottenere la santità necessaria per entrare nella gioia del cielo” (CCC 1030).

Al di là della preoccupazione naturale per le persone care, l’amore per noi stessi dovrebbe spingerci a desiderare il Purgatorio. Come sottolinea San John Henry Newman, “in un certo senso, tutti i cristiani muoiono senza aver concluso il proprio compito”. Il Purgatorio è il luogo in cui vengono aggiunti i ritocchi finali.

Newman sottolineava questo aspetto in uno dei suoi sermoni anglicani, “Lo Stadio Intermedio”. Come molti non cattolici, prima della sua conversione era esitante sull’idea del Purgatorio in quanto tale, ma aveva già riconosciuto la necessità di un “tempo di maturazione” tra la morte e il paradiso, e lo riteneva una “grande consolazione” per chiunque pensasse seriamente a tali questioni.

  • 1
  • 2
Tags:
purgatoriosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni