Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La preghiera: intimità col Padre capace di cambiare il mondo

PRAYING

ChristianChan | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 28/10/21

Prima di scegliere i Dodici Gesù si ritira a pregare. La Sua preghiera, intimità intensa col Padre, è la fonte di ogni azione, decisione e forza risanatrice. E se pregassimo anche noi così? Non cambierebbe forse il mondo?

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante.
C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.(Lc 6, 12-19)

La preghiera di Gesù, relazione col Padre

“Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio”. Se ci fermassimo anche soltanto a contemplare questa indicazione iniziale del vangelo di oggi, ci accorgeremmo che la preghiera è un tratto decisivo nella vita di Gesù. La preghiera per lui non è semplice ritualità, ma è ossigeno, perché la preghiera di Gesù è relazione con Suo Padre.

Non è fuga dalla realtà ma affondo nella sua profondità

Gesù non si comporta da supereroe che non ha bisogno di nessuno perché dotato di un super potere che lo rende autosufficiente rispetto al resto del mondo. Gesù mostra che il suo tratto vincente è nella relazione con Suo Padre e per questo prega. Inoltre la Sua preghiera non è mai un evento separato dal resto della sua vita ma ne è come la rincorsa: infatti dopo che prega accade o decide qualcosa di importante:

“Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli”.

Gesù prega per scegliere, prega per decidere, prega prima di agire, prega per capire, prega per affidarsi. E soprattutto la sua non è una preghiera alienante ma una preghiera che sa passare dall’intimità (il monte) alla realtà (la pianura): “Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante.

La preghiera che cambia il mondo

C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie”.

La preghiera non produce solo un effetto in Lui ma anche un effetto sugli altri. È bello ricordarci che la preghiera non agisce solo in chi prega ma anche in chi incontra quelli che pregano.

Se ciascuno di noi pregasse seriamente allora cambierebbe la vita anche delle persone che hanno a che fare con noi. In Gesù, ad esempio, è una forza che agisce con potenza su tutti quelli che lo incrociano per un motivo o per un altro: “anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti”.

Tags:
dalvangelodioggi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni