Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Suor Gloria, già ostaggio in Mali: «Ho pregato per ciascuno dei miei rapitori»

GLORIA CECILIA NARVÁEZ ARGOTY

Franciscanas de Maria Inmaculada

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 27/10/21

Liberata all’inizio di ottobre dopo quattro anni e otto mesi di cattività nel Mali, in mano a degli jihadisti, suor Gloria Narvaez Argoti è tornata a riflettere su quanto ha vissuto in detenzione: «Quel che più mi ha dato forza è stata la fede, la preghiera», ha dichiarato in un’intervista a Vatican News.

Missionaria colombiana rapita nel febbraio 2017 in Mali e liberata all’inizio di ottobre 2021, suor Gloria Narvaez Argoti è stata tenuta in ostaggio da un gruppo affiliato ad Al-Qaeda per quattro anni e otto mesi. Una prova durante la quale la sua fede e la preghiera l’hanno sostenuta quotidianamente, ha dichiarato in un’intervista accordata a Vatican News lo scorso 25 ottobre: 

Ho sentito molta fiducia in Dio, in ogni momento. […] Quando potevo camminare un poco nel deserto e guardare la grandezza della creazione, il sole che si levava al mattino, i cammelli che camminavano sulle dune… In ogni momento ero unita a Dio e sentivo di Dio una grande sicurezza. 

Quel che più mi ha fortificata è stata la fede, la preghiera: recitavo sempre i salmi e avevo forte fiducia in Dio, e nel fatto che tutti pregavano e si univano spiritualmente a me. 

Discriminata perché religiosa 

Per quanto riguarda le condizioni della sua detenzione, la suora ha dichiarato che le sue relazioni con i rapitori erano improntate a «preghiera per ciascuno di loro». 

Mi hanno sempre discriminata – dice in dettaglio – perché sono religiosa. Hanno sempre detto che l’Islam è la religione. 

Suor Gloria dice di non aver mai temuto per la sua vita: 

Avevo molta fiducia in Dio. Mi dicevo “poco importa”, perché ero pronta a dare la vita. Poco importa. 

Liberata sabato 9 ottobre 2021, è stata ricevuta l’indomani da papa Francesco a Roma, dove ha assistito alla messa di apertura del Sinodo nella Basilica di San Pietro in Vaticano. Alla fine della celebrazione, il Santo Padre le si è avvicinato per benedirla. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
fedejihadistimartiriopreghierarapimento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni