Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Aumentano i bambini in povertà in Europa: sono 20 milioni, oltre un milione in Italia

Di HTWE|Shutterstock

Agi - pubblicato il 27/10/21

Il rapporto di Save The Children: nel nostro paese sono 200.000 in più dello scorso anno, più esposte le famiglie numerose con almeno 5 componenti e quelle con un background migratorio. "Livelli inaccettabili"


In Europa sono in aumento i livelli di povertà minorile e gli importanti progressi fatti in questo campo dall’Unione Europea e dai singoli Paesi negli ultimi anni rischiano di essere vanificati. Sono quasi 20 milioni i bambini che crescono in povertà: sebbene l’Ue sia una delle regioni più ricche e con meno diseguaglianze al mondo, i bambini di tutti Paesi europei stanno affrontando livelli di povertà inaccettabili, nessuno escluso.

E’ quanto emerge dal nuovo rapporto di Save the Children, ‘Garantire il futuro dei bambini – Come porre fine alla povertà minorile e all’esclusione sociale in Europà, che prende in analisi 14 Paesi in Europa, di cui 9 Ue e 5 extra Ue.

In Italia, “le stime mostrano che nel 2020 i bambini in povertà assoluta sono 200.000 in più rispetto all’anno precedente”, si legge nel rapporto. Complessivamente i bambini in condizioni di povertà assoluta sarebbero oltre un milione. 

In Germania, uno dei Paesi più ricchi al mondo, un bambino su 4 cresce a rischio di povertà, mentre in Spagna e in Romania, un bambino su tre vive al di sotto della soglia di povertà. Nei Paesi dei Balcani occidentali, dove i tassi di povertà minorile già negli anni precedenti variavano dal 49,4% in Albania al 30,6% in Bosnia-Erzegovina e al 20,7% in Kosovo, la situazione è ancora più grave.

I fattori di vulnerabilità

Secondo il rapporto di Save the Children, i bambini più vulnerabili e più colpiti dalla povertà sono coloro che crescono in famiglie numerose o monoparentali, i bambini con un background migratorio, con disabilità, appartenenti a minoranze etniche e quelli che vivono nelle aree rurali o più svantaggiate.

Difatti, in Svezia, il 58% di tutte le famiglie monoparentali di origine straniera è a rischio povertà, così come fanno parte di famiglie monoparentali il 45,2% dei bambini che ricevono sussidi sociali in Germania.

In Italia, sono più esposte alla povertà le famiglie numerose con almeno 5 componenti e le famiglie con un background migratorio, mentre in Spagna e nei Paesi Bassi circa il 40% dei bambini a rischio povertà proviene da famiglie che lavorano, sfatando il mito che i bambini che crescono in povertà provengano da famiglie con genitori disoccupati. In Irlanda del Nord, ad essere più esposti alla povertà sono i bambini delle comunità etniche, con due bambini su tre (66%) che crescono in povertà, quasi tre volte la cifra nazionale.

I dati sono riferiti al 2020 quando si e’ registrato un peggioramento delle condizioni dovuto anche al covid.

Anche l’obesità è un parametro

Secondo il rapporto “i bambini bisognosi in tutta Europa sono spesso in sovrappeso o affrontano obesità. In Italia, ad esempio, il 20,4% dei bambini è in sovrappeso e il 9,4% deve affrontare l’obesità”.

Altro fattore considerato è la “privazione abitativa”. “Nella maggior parte dei paesi, le famiglie povere vivono in famiglie inadeguate e sovraffollate, che spesso condividono le proprie case con famiglia a causa degli alti canoni degli affitti e delle risorse finanziarie insufficienti della famiglia. Il rischio di sfratto è anche una sfida seria, soprattutto in Italia, Spagna, Romania e Nord Irlanda”.

L’Italia comunque, come altri paesi quali Romania, Lituania e Spagna ha “iniziato a introdurre necessarie riforme”, “che richiedono almeno il 5% di fondi da stanziare per ridurre la povertà infantile e l’esclusione sociale e migliorare il sistema di assistenza sociale per i bambini e le loro famiglie”

I Paesi ‘virtuosi’ in pandemia

Gli unici Paesi – tra i 9 Paesi Ue presenti nel rapporto – in cui i tassi di povertà minorile sono diminuiti durante la pandemia sono Danimarca, Svezia e Lituania.

Milioni di bambini in tutta Europa non hanno alcun accesso o hanno accesso limitato all’istruzione e ai servizi educativa per la prima infanzia – spesso di bassa qualità.

Molti altri milioni non hanno accesso a cibi sani causando un aumento dei livelli di obesità e di malnutrizione cronica infantile. La salute mentale dei bambini è una sfida chiave in tutti i Paesi e la maggior parte dei bambini poveri in Europa vive in condizioni abitative inadeguate o in situazioni di sovraffollamento, devono far fronte alla perdita della casa e il rischio di sfratto è all’ordine del giorno per la maggior parte di loro.

L’originale su AGI

Tags:
bambinipovertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni