Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Sapevate che Karol Wojtyła voleva diventare frate carmelitano?

CARMELITE FRIAR

Public Domain

Philip Kosloski - pubblicato il 22/10/21

Quando era ancora seminarista, Karol Wojtyła chiese il permesso per trasferirsi in un monastero carmelitano, volendo seguire la via di San Giovanni della Croce

San Giovanni Paolo II ha seguito un cammino molto interessante nel sacerdozio diocesano. Non solo ha iniziato gli studi segretamente durante l’occupazione nazista della Polonia, ma si è anche sentito chiamato a seguire una strada diversa, come frate carmelitano.

Prima di iniziare a prepararsi al sacerdozio, Karol Wojtyła fu introdotto agli scritti di San Giovanni della Croce dall’amico e mentore Jan Tyranowski. Questo gli aprì un mondo nuovo, al punto che imparò lo spagnolo per leggere gli scritti del santo in lingua originale.

Wojtyła si immerse negli scritti del santo carmelitano, scrivendo articoli teologici che esaminavano le sue opere.

La chiamata alla vita carmelitana

Tutto questo culminò nel 1945, quando un suo grande amico, il frate Leonard Kowalówka, divenne Maestro dei Novizi in un monastero carmelitano locale. All’epoca, Karol Wojtyła stava concludendo i suoi studi per diventare sacerdote diocesano, e per effettuare il trasferimento in monastero aveva bisogno dell’approvazione del suo vescovo.

Sentendosi chiamato alla vita carmelitana, il futuro Giovanni Paolo II inviò una lettera al cardinal Sapieha, chiedendo il suo permesso.

Rimase tuttavia frustrato quando Sapieha gli disse di “terminare ciò che aveva iniziato”. La sua richiesta era stata respinta.

Dopo il “No”

Karol Wojtyła è stato ordinato sacerdote diocesano nel 1946, diventando in seguito vescovo, cardinale e infine Papa.

Cosa sarebbe successo se fosse diventato frate carmelitano?

Nessuno lo sa, ma questa storia ci ricorda che quando si chiude una porta se ne apre un’altra. Dio aveva altri progetti per Karol Wojtyła, che all’epoca non erano ancora evidenti. Fortunatamente, lui ha perseverato negli studi, e anche se può aver provato la delusione del rifiuto, in seguito ha colto i frutti del fatto di seguire la volontà di Dio.

Tags:
giovanni paolo II
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni