Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Jerzy Popiełuszko, il sacerdote che amava la vita e si preparava a morire

Jerzy Popieluszko

Public Domain

Monika Burczaniuk - pubblicato il 20/10/21

Padre Popiełuszko, il presbitero polacco che ha lottato contro la censura comunista

Testimone della verità, martire della fede, patriota, leggendario cappellano del movimento di Solidarność. Tutti i termini si adattano perfettamente all’immagine del beato – assassinato il 19 ottobre 1984 dalla polizia segreta – P. Jerzy Popiełuszko, ma tanti lo ricordano semplicemente come Jerzy, un sacerdote dall’aspetto giovanile, che fumava Chesterfields e aveva un cane nero di nome Tajniak (funzionario della polizia segreta).

Alfons Popiełuszko era nato il 14 settembre 1947 a Okopy, un villaggio della regione polacca di Podlasie, terzo figlio di Marianna e Władysław Popiełuszko. Avevea ereditato il nome di Battesimo dallo zio, fratello della madre, un soldato dell’Esercito Nazionale assassinato dall’esercito sovietico a 21 anni.

La solida fede della famiglia Popiełuszko è dimostrata dalla morte della figlia minore della coppia, Jadzia, che si ammalò gravemente e morì a meno di due anni. I genitori accettarono l’accaduto in base al principio per il quale “bisogna essere perseveranti e saldi. Dove Dio porta, lì trarrà qualcosa”, disse Marianna Popiełuszko.

L’atteggiamento di fiducia e la trasmissione di valori fondamentali in modo semplice ma molto significativo, soprattutto la fede e il rispetto per gli altri, hanno influito profondamente sulla vita di Jerzy.

Pur sforzandosi molto ed essendo uno studente coscienzioso, non ottenne risultati accademici straordinari, e nessuno all’epoca pensava che il chierichetto della chiesa dei Santi Pietro e Paolo del villaggio vicino, Suchowola, sarebbe diventato noto in tutta la Polonia dopo una dozzina di anni.

Dopo essersi diplomato nel 1965, decise di entrare nel Seminario Teologico Superiore Metropolitano di Varsavia, e fu qui che cambiò il suo nome in Jerzy Aleksander.

Non si toglieva il rosario

La tappa che lasciò un segno permanente nella vita di Jerzy a livello di sviluppo di carattere ma anche di salute, che risultò seriamente danneggiata, fu il servizio militare obbligatorio a Bartoszyce in un’unità molto rigida, soprattutto con i seminaristi, che vi sperimentavano molte umiliazioni e difficoltà collegate alla loro fede.

Non potevano assistere alla Messa, e a volte venivano privati per mesi dell’accesso ai sacramenti. Erano interrotti nelle loro preghiere (ad esempio con allarmi), e tutti i simboli religiosi erano proibiti. Nelle lettere al suo padre spirituale, p. Czesław Miętka, Jerzy scrisse di “un capo che, volendo adulare un ufficiale, ordina di togliersi il rosario, perché non è una fede nuziale da portare nell’esercito”. Nonostante la sua piccola statura, Jerzy gli rispose in modo brillante: “Dipende per chi”.

  • 1
  • 2
Tags:
santi e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni