Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Ragazzi, avete sopportato tanto. Ora non cedete alla paura

Di fizkes|Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 19/10/21

I nostri giovani hanno sopportato grandi sacrifici a causa delle restrizioni anti-Covid19. Ora però ne sentono tutto il peso e possono rischiare di esserne sopraffatti. Aiutiamoli a superare ansie e paure.

Cari ragazzi,

dopo un anno e mezzo di pandemia finalmente vi preparate a meno restrizioni!
Alla vostra età, è importante trascorrere più tempo fuori dalla famiglia e sperimentare momenti di indipendenza insieme agli amici.

Ma avere questo tipo esperienze, di questi tempi, non è stato facile. Sappiamo che le limitazioni che avete dovuto affrontare vi hanno messo a dura prova. Vi è stato chiesto di rinunciare a molte cose: la scuola, lo sport e tutte le scoperte che si possono fare solo stando insieme ai vostri amici!

Tante privazioni ma anche creatività

Improvvisamente, nel marzo 2020, il modo in cui è naturale vivere alla vostra
età si è congelato. Molti di voi hanno vissuto un primo momento di euforia generale: “vacanze anticipate e niente scuola per due settimane!”. In questo tempo sospeso vi siete dedicati a fare le cose per cui il tempo, prima del lockdown, sembrava non bastasse mai: Playstation, Instagram, TikTok, Netflix.
Nelle settimane successive avete cercato di trovare un modo alternativo per
riprendervi il tempo che la pandemia vi stava rubando: avete cominciato ad incontrarvi on-line, avete iniziato a guardare film insieme, a fare attività o sport in gruppo, ognuno dalla propria casa.

Dopo alcuni mesi il lockdown finiva e l’hashtag #AndràTuttoBene sembrava
essersi avverato. Con l’arrivo dell’autunno del 2020, quando eravate pronti a
riprendervi il vostro tempo dopo aver riassaporato una normalità estiva, nuove
restrizioni e nuova confusione: di nuovo didattica a distanza, niente incontri
con gli amici, niente sport.

Ragazzi, siete stati eroici

Vi siete nuovamente immersi in un mondo virtuale che vi aveva fatto sentire meno soli in una fase iniziale…ma che cominciava a diventare troppo! Vi veniva chiesto ancora di rinunciare e resistere: se dovessimo pensare ad un premio Nobel per la capacità di adattarsi a situazioni difficili andrebbe sicuramente a voi!

EATING DISORDER

Il peso dell’isolamento si fa sentire

In questo scenario, però, qualcuno è rimasto più isolato. Alcuni di voi si sono
trovati a trascorrere ancora più tempo nella solitudine della propria stanza.
Altri si sono trovati a dover stare più tempo in una famiglia complicata e senza
valvole di sfogo.
La paura di uscire ha inondato alcuni di voi. Stress, ansia, depressione, poca
energia
e timore per il futuro hanno cominciato ad occupare i vostri pensieri
tanto da portare qualcuno a rimanere in casa anche quando non era più necessario.

Non avere paura di chiedere aiuto

Dopo questa esperienza prolungata di isolamento, può essere difficile tornare a scuola, riprendere le uscite con gli amici o le attività sportive. A volte è difficile riconoscere di avere bisogno di aiuto e capire a chi rivolgersi.

Intorno a voi avete tante figure di riferimento: i genitori, il pediatra, il medico di base, gli insegnanti, che possono ascoltarvi e aiutarvi. In questo caso, una soluzione potrebbe essere, ad esempio, contattare un professionista della salute psicologica, che potrà aiutarvi a capire meglio la vostra paura, e a superarla.

Bambin Gesù
Bambin Gesù

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
giovanipandemiasalute mentale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni