Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

50 anni del musical Jesus Christ Superstar, opera d’arte o eresia?

JESUS CHRIST SUPERSTAR

Shutterstock | defotoberg

Angeles Conde Mir - pubblicato il 19/10/21

Paolo VI ha visto e approvato il film del 1973 basato sull'opera rock

Da ormai 50 anni, Jesus Christ Superstar non lascia indifferente il pubblico. Il musical è stato portato in scena per la prima volta il 12 ottobre 1971 in un teatro di New York.

Un anno prima era uscito un album concettuale di quasi 90 minuti composto da due giovanissimi Andrew Lloyd Webber e Tim Rice. Il disco fu un fallimento in Inghilterra, in parte perché la BBC lo censurò ritenendolo sacrilego e blasfemo.

Negli Stati Uniti, però, vendette nell’arco di pochi mesi praticamente un milione di copie, arrivando in un anno a 2,5 milioni.

Per gli autori fu una vera sorpresa, visto che mentre il pubblico aveva risposto, nessun produttore o impresario teatrale si era interessato di portare l’opera sul palco.

Il musical uscì a Broadway, dove rimase in programma per quasi un anno, fino al luglio 1973.

Per quell’epoca aveva già sollevato molte polemiche, sia tra i cristiani che tra gli ebrei. Ci furono proteste alle porte del teatro, e alcuni acquistarono il biglietto solo per boicottare le rappresentazioni gridando “Blasfemia!”

I motivi della polemica

Jesus Christ Superstar è una versione libera dei Vangeli che racconta gli ultimi 7 giorni di vita di Gesù dal punto di vista di Giuda Iscariota.

Secondo gli autori, l’intenzione era mostrare Cristo più che come Dio come un uomo vulnerabile, con le Sue paure e i Suoi dubbi. In parte per questo il musical finisce con la morte di Cristo e non riflette la resurrezione.

Questo accade anche perché, essendo raccontato da Giuda ed essendo fedeli alla storia, questi si era già suicidato quando Gesù venne crocifisso, anche se i critici hanno interpretato che non includere la resurrezione nell’opera sarebbe equivalso a una negazione della divinità di Cristo.

Agli ebrei non è piaciuta la visione che colpevolizzava i loro correligionari per la morte di Gesù mostrando Caifa, Anna ed Erode come i cattivi della storia, e temevano che questa scelta narrativa alimentasse l’antisemitismo.

  • 1
  • 2
Tags:
musical
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni