Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Una statua di Maria intatta dopo il passaggio dell’uragano Ida

Imagem de Maria intacta

St. Hubert Catholic Church, Garyville, Louisiana | Facebook

Francisco Vêneto - pubblicato il 18/10/21 - aggiornato il 18/10/21

I locali dicono di considerare la cosa un segno della protezione della Madonna in situazioni critiche

Una statua di Maria rimasta intatta dopo il passaggio dell’uragano Ida sta attirando l’attenzione sulle reti sociali.

La fotografia è stata pubblicata dalla parrocchia cattolica di St. Hubert di Garyville (Louisiana, Stati Uniti) dopo la devastazione provocata dall’uragano di categoria 4, che ha lasciato più di un milione di persone senza elettricità solo nell’area metropolitana di New Orleans, oltre a provocare almeno 13 vittime. Il numero ufficiale dei morti continua ad aumentare man mano che si trovano altri corpi nelle operazioni di sgombero, e al momento in cui è stato redatto questo articolo era di almeno 80.

Insieme alla fotografia, la parrocchia ha postato il 30 agosto questo commento:

“Nella devastazione provocata dagli alberi, Nostra Signora ha protetto il nostro paese di Garyville. Neanche un ramo l’ha toccata anche se le cadevano attorno. Grazie, Madre Maria, perché intercedi per noi”.

Molti fedeli che hanno commentato il post hanno affermato che anche altre immagini di Maria in case e giardini non sono state danneggiate dall’uragano, e ritengono che sia un segno della protezione della Madonna nelle situazioni critiche.

È un miracolo?

Non si può parlare tecnicamente di miracolo quando ci sono spiegazioni scientifiche plausibili per un evento. In questo caso, un’ampia gamma di variabili può spiegare perché un evento atmosferico, pur avendo un potenziale catastrofico, possa aver lasciato intatta la statua della Madonna nonostante i tanti danni.

L’utilizzo del termine “miracolo” è comune di fronte a fenomeni che sembrano soprannaturali: nella maggior parte dei casi è fatto in buona fede, ma essendo un termine tecnico può essere fuorviante.

I miracoli sono fenomeni scientificamente inspiegabili che contraddicono le regole della natura per come le conosciamo. Perché un fenomeno venga ufficialmente dichiarato soprannaturale dalla Chiesa, servono studi prudenti e dettagliati.

La Chiesa segue criteri scientifici molto rigidi per dichiarare che un fenomeno è un miracolo. I miracoli di guarigione, ad esempio, possono richiedere decenni per essere riconosciuti. Il fatto dev’essere attentamente studiato dai medici, rivisto dagli scienziati (nella maggior parte dei casi laici e perfino atei) ed esposto alle critiche pubbliche.

Solo dopo il completamento di tutti gli studi scientifici la Chiesa esegue un’analisi teologica, opera delle sue commissioni di esperti teologi.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni