Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 06 Dicembre |
Beato Filippo Rinaldi
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Un pianista sull’oceano dei nostri dolori

Fondazione Poliambulanza|Youtube

Paola Belletti - pubblicato il 18/10/21

Alessandro D'Avenia tratta forse nell'unico modo utile ad evitare cedimenti retorici il tema del "ritorno alla normalità": raccontando di un giovane musicista di origine ucraina che ha speso la sua estate per realizzare il suo coraggioso "Piano B": suonare per i carcerati, i malati, i passanti, diffondendo bellezza.

Una “normale” stagione di concerti 

Alexander Romanovsky,

Nato in Ucraina, ha studiato e vive in Italia da quando ha 13 anni. Dal momento che le norme di sicurezza gli hanno impedito di esibirsi nelle sale da concerto, si è inventato un «piano b»: girare l’Italia (a luglio e agosto scorsi) in un furgone con il suo piano e un piccolo palco per 42 concerti gratuiti all’aperto e in sicurezza.

Corriere della Sera

Tra le tappe più significative, l’Istituto Tumori di Milano e l’atrio del carcere di Brescia.

Davanti al carcere bresciano siamo passati tante volte, mio marito ed io, insieme con le nostre figlie; una in particolare è rimasta così impressionata che non appena si nomina Brescia ci chiede come possano vivere chiuse lì dentro tante persone, alcune per tutta la vita.

Di cosa si è trattato, dunque, di una scelta di ripiego? di fare quel poco che in tempi di restrizioni ci era concesso, in questo immiserimento in cui sono precipitati anche gli artisti, ritenuti lavoratori non essenziali? Di accontentarsi di surrogati, come la cicoria al posto del caffè in tempi di razionamento bellico?

La bellezza, per chi è fatta?

No, osserva con atteso acume Alessandro D’Avenia: la normalità vera è questa, offrire la bellezza là dove più è necessaria. E inventarsi modi nuovi di spargerla in giro. Di sicuro i tempi sospesi dei lockdown potevano servire a questo e anzi per molti sono stati gestazioni che hanno partorito nuove creature (opere, idee, progetti, rinunce). Altro che campionati per divanari professionisti.

Così ha fatto questo artista; e ora che si spera ci stiamo definitivamente scrollando di dosso la terza ondata di retorica vorremmo tornare a guardarci per quel che siamo fino in fondo: bipedi misteri che si muovono nel mondo appesi agli sguardi di altri, fatti della stessa pasta, con lo stesso enorme problema di scoprire il senso per il quale siamo qua e siamo fatti proprio così.

Cerchiamo meglio, cerchiamo più a fondo

Dopo la prima, che ci spingeva a prometterci gli uni gli altri che tutto sarebbe andato bene (definisci “bene”); la seconda che, nata come ingenua speranza si è invece cronicizzata in disillusione, perché non è vero che ne siamo #uscitimigliori, ci ha raggiunti infine anche la terza con il suo ripetere cadenzato che stiamo lentamente per tornare alla normalità (che noia, signori…).

Ma che cosa è davvero normale, qual è la norma che ci regola e orienta, che spiega il nostro movimento, il nostro arrivare, fermarci, andarcene?

Alexander non aveva più concerti e tournée in giro per l’Europa e il mondo, ma aveva intatta tutta la sua capacità, la sua memoria che arriva fin nelle dita e probabilmente il desiderio di suonare, in ogni caso.

Avere sempre un Piano B

E così, per dare seguito a quello che lui ha chiamato Piano B,

ha ottenuto dalle amministrazioni locali un’ora di suolo reso veramente «pubblico» (la bellezza rende «di ciascuno» le cose «di nessuno») e ha suonato sotto stelle estive, senza tregua, in luoghi molto eterogenei, oltre ai già citati: dal teatro di Segesta al molo dei pescatori a Monterosso, dallo Spasimo di Palermo a un campo di grano a Vallaspra, da un cortile di Torino a una piazza di Napoli…

Ibidem

Più che accontentarsi, Alexander ha cercato di “contentare”, di portare contento attraverso la bellezza della musica.

Quale Bellezza salverà il mondo?

E con la riflessione che segue, D’Avenia contribuisce a liberare di un po’ di detriti e incomprensione una delle citazioni di Dostoevskij più abusate (insieme a certe povere foglie verdi in estate che il povero Chesterton chiamò all’appello, credo, per più degne battaglie): “la bellezza salverà il mondo” (definisci “bellezza”).

Mi piace pensare che quella B stia anche per Bellezza, quella che «salverà il mondo», ma solo se si intende che il principe Miškin, protagonista dell’Idiota di Dostoevskij, nel dire queste parole tanto abusate quanto fraintese, si riferisce al bello del bene: un’azione gratuita che, nel quotidiano, cura la vita ferita, come fa Cristo, di cui il principe è una immagine commovente.

Ibidem

Ciò che ci appaga di più è sempre gratis

L’avventura del giovane pianista su questo domestico oceano increspato di attese, dolore e gioia è la prova di quello per cui siamo fatti, cioè della nostra vera normalità. Siamo sapiens più e prima che homo oeconomicus. Amiamo scoprire il sapore delle cose, rintracciarne il senso e condividerlo con i nostri simili.

Non si sarà sentito gratificato forse come non lo era da un po’, il giovane talentuoso, a poter suonare per chi non aveva altro con cui ripagarlo che la propria meraviglia e gratitudine?

Salute e salvezza, quasi sinonimi

Piano B è il frutto della collaborazione tra talento personale, mecenati e amministrazioni locali, in una «social catena», direbbe Leopardi, che è difesa dalle sventure e vera azione politica, disattesa spesso da governanti attenti al potere come sostantivo più che come verbo di servizio. Il pianista si è rivolto a sindaci, direttori di ospedali, carceri, associazioni, e alcuni hanno risposto alla chiamata offrendo alle loro comunità un gesto salutare, aggettivo che ha la stessa radice di salvezza: la bellezza dà salute e salvezza perché, solo quando facciamo esperienza della gratuità, lo spirito (che è la fame di nascere un po’ di più ogni giorno) diventa più capace d’amore e d’azione.

Ibidem

La Bellezza è Cristo, sono i suoi santi e tutto ciò che gli assomiglia

Potrebbe accordarsi allo stile di Alexander, così come ce lo ha raccontato il suo omonimo italiano, il motto impaziente a causa della carità di San Camillo de Lellis: sapete come incoraggiava i suoi confratelli all’opera per soccorrere feriti, malati e moribondi?

Più cuore in quelle mani!

San Camillo De Lellis

Se la bellezza salverà il mondo sarà nello stile di Cristo e dei suoi santi; gente che si è sporcata le mani, le ha messe in pasta, se le è fatte tagliare in casi estremi, o, come nel caso di questo musicista, le fa andare veloci sulla tastiera; gente, alla fine, che in un modo o nell’altro si è lasciata prendere e “divorare” da quante più bocche affamate abbia potuto. Perché è nello stile di Cristo, rendersi piccolo ed edibile.

Tags:
bellezzamusica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni